Extraordinary Visions - L'Italia che ci guarda - Massimo Vitali - Palermo - Credits: MAXXI
News

Estate 2016: dieci mete tra arte e design

Estate, tempo di viaggiare.

É proprio dedicata alle vacanze dell'estate 2016 questa lista di appuntamenti con l'arte e il design, che permetteranno di osservare luoghi nuovi o conosciuti attraverso punti di vista inediti.

Nelle città d'arte italiane come nelle capitali europee si rifletterà sulle nuove espressioni dell'arte contemporanea e del design, analizzandone figure e personaggi di riferimento.

Un modo per scoprirne i linguaggi vecchi e nuovi, in un viaggio attraverso l'architettura, il graphic design, la fotografia e l'illustrazione.

Abbiamo selezionato 10 destinazioni da non perdere questa estate, per iniziare a pregustare libertà e spensieratezza nel caso le vacanze fossero ancora lontane.

C.ar.D. Contemporary Art & Design: Joe Fyfe - Credits: C.ar.D. Contemporary Art & Design
C.ar.D. Contemporary Art & Design: Nari ward - Credits: C.ar.D. Contemporary Art & Design
Carlo Scarpa after Carlo Scarpa - Credits: Iuav
Carlo Scarpa after Carlo Scarpa - Credits: Iuav
Extraordinary Visions: Massimo Vitali - Palermo - Credits: MAXXI
Extraordinary Visions: vista dalla terrazza della casa di Francesco Schiavone, Casal di Principe, Caserta, 2013 - Credits: MAXXI
Norway. Architecture, Infrastructure, Landscape. - Credits: Ken Schluchtmann
Norway. Architecture, Infrastructure, Landscape - Credits: Ken Schluchtmann
Milano Design Film Festival: L infinita fabbrica del Duomo - Massimo D Anolfi e Martina Parenti - Italia 2015 - Credits: Milano Design Film Festival
Milano Design Film Festival: L'infinita fabbrica del Duomo - Massimo D Anolfi e Martina Parenti - Italia 2015 - Credits: Milano Design Film Festival
Alejandro Aravena - Credits: Milano Design Film Festival - photo credit Cristobal Palma
Fashion Utopias: Guido Gonin, Fashion illustration from La Modiste Universelle, Parigi, 1888 - Credits: © MAK
Fashion Utopias: Erni Kniepert, Poster Vienna 1933. - Credits: © MAK
Glass Fever - Credits: Het Dordts Patriciërshuis Museum aan de Maas
Glass Fever - Credits: Het Dordts Patriciërshuis Museum aan de Maas
Masse und Klasse: Magazine "Das Magazin“, Issue 3/1958, - Credits: © Collection Werkbundarchiv – Museum der Dinge / Photo: Armin Herrmann
Masse und Klasse: Professional Journal "Neue Werbung“, Issue 2/1975, - Credits: © Collection Werkbundarchiv – Museum der Dinge / Photo: Armin Herrmann
Not Vital, House to Watch the Sunset, 2005. - Credits: Courtesy the artist and YSP. Photo © Jonty Wilde
Not Vital, Let 100 Flowers Bloom, 2008. - Credits: Courtesy the artist and YSP. Photo © Jonty Wilde
Beauty: scultura di Ana Rajcevic - Credits: Cooper Hewitt Design Museum @www.fernandolessa.com.br
Beauty - Sou Fujimoto Architects - Rendering, Souk Mirage / Particolari di luce di un centro commerciale/ concept master plan, 2013 - Credits: Cooper Hewitt Design Museum © Sou Fujimoto Architects

Piacenza e colline piacentine: per veder dialogare arte contemporanea e realtà rurale

  • Cosa: C.Ar.D – Contemporary Art & Design
  • Quando: 9 luglio – 2 ottobre 2016

É una Biennale bucolica la C..Ar.D – Contemporary Art & Design. Nata nel 2014, la rassegna di arte contemporanea e design farà confrontare alcuni artisti internazionali con la realtà rurale di quattro paesi situati tra le colline piacentine: Agazzano, Nibbiano, Piozzano e Pianello Val Tidone.

Per l'occasione, alcuni luoghi inaccessibili verranno aperti al pubblico, diventando teatro delle installazioni e delle opere in calendario.

Tra gli artisti che parteciperanno alla Biennale ci sono Lucas Blalock, Ulrich Egger, Joe Fyfe, Invernomuto, Matt Keegan, Maria Morganti e Nari Ward. Una meta alternativa per l'estate 2016 e un modo unico per scoprire gli angoli più segreti delle colline piacentine.

Venezia: per conoscere la storia di uno dei maestri dell'architettura italiana del 20° secolo

  • Cosa: Carlo Scarpa after Carlo Scarpa, ex convento dei Tolentini
  • Quando: fino al 30 settembre 2016

Fu uno degli architetti più influenti del XX secolo, progettando e restaurando musei e istituzioni pubbliche. Oggi, l'Università Iuav di Venezia celebra la carriera di Carlo Scarpa con la mostra Carlo Scarpa after Carlo Scarpa nell'ex convento dei Tolentini.

A fare da leitmotiv attraverso gli schizzi, i disegni, le riproduzioni e le fotografie di Scarpa è il suo rapporto con l'Ateneo, di cui fu direttore. Fu lui a disegnarne la porta di ingresso, oggi fotografata dai turisti di tutto il mondo. Parallelamente alla retrospettiva, l’Aula Magna dell'università ospita il lavoro fotografico di Guido Guidi dedicato alla Tomba di Brion di Scarpa.

Roma: per guardare l'Italia attraverso gli occhi di 40 maestri della fotografia

  • Cosa: Extraordinary Visions - L'Italia ci guarda, MAXXI
  • Quando: fino al 23 ottobre 2016

L'estate. Le spiagge. I contesti urbani. L'Italia.

Per celebrare il 70° anniversario della Repubblica Italiana il museo MAXXI di Roma si cimenta in un'impresa titanica: raccontare il nostro Paese attraverso le immagini di 40 fotografi sia italiani che internazionali nella mostra Extraordinary Visions - L'Italia ci guarda.

Uno sguardo sulle bellezze e sulle contraddizioni del Bel Paese, che ne racconta gli ultimi decenni senza risparmiare politica, degrado e critica sociale.

Tra i fotografi in esposizione, alcuni maestri della fotografia italiana (e non) tra cui Guido Guidi, Francesco Jodice, Mimmo Jodice, Petra Noordkamp, Paolo Pellegrin, Massimo Piersanti, Mustafa Sabbagh, Ferdinando Scianna, Mario Spada, Hiroshi Sugimoto e Massimo Vitali. L'estate 2016 si trasforma nell'occasione per riflettere sui cambiamenti del nostro Paese.

Milano: per sognare luoghi incontaminati e riflettere sull'architettura di ieri e oggi

  • Cosa: NORWAY. Architecture, Infrastructure, Landscape, SpazioFMG per l’Architettura.
  • Quando: fino al 22 luglio

Un tuffo nei paesaggi norvegesi attraverso 22 scatti di Ken Schluchtmann.

A presentare le immagini del fotografo tedesco è lo SpazioFMG per l'Architettura di Milano, che esplora le architetture più spettacolari realizzate nell'ambito del programma governativo National Tourist Routes, dal 1994 promotore della realizzazione di progetti suggestivi lungo gli itinerari turistici della Norvegia.

Un'evasione dall'afa estiva della città per immergersi nei territori incontaminati scandinavi.

  • Cosa: Milano Design Film Festival
  • Quando: lunedì 11 luglio e

Un evento più unico che raro: l'11 luglio, il Milano Design Film Festival trasformerà il Duomo di Milano in un cinema proiettando il film L'Infinita Fabbrica del Duomo, documentario di Massimo D'Anolfi e Martina Parenti sulla creazione e manutenzione del monumento. Sempre nell'ambito del festival, lunedì 18 luglio sarà possibile incontrare Alejandro Aravena, direttore della 15ma Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, in un talk aperto a tutti previa registrazione.

Vienna: per ripercorrere la storia del fashion design

  • Cosa: Fashion Utopias, Haute Couture in The Graphic Arts, Mak Museum
  • Quando: fino al 4 settembre

Quand'è nato il fashion design? Non di certo nel 20° secolo, come spesso si pensa.

A ripercorrerne la nascita e l'evoluzione è la mostra Fashion Utopias, Haute Couture in The Graphic Arts, che presenta bozzetti, schizzi e disegni a partire dal 15° fino allo scorso secolo. Ne esce un racconto della storia della moda e del giornalismo di settore, grazie anche a riviste d'epoca che svelano vezzi e le tendenze d'epoca.

Olanda, Doordrecht: per lasciarsi sorprendere dalla contemporaneità del vetro di Murano

  • Cosa: Glass Fever. Contemporary art in glass, Dordrechts Museum
  • Quando. Fino al 25 settembre 2016.

È dedicata all'arte vetraria di Murano la mostra-evento Glass Fever. Contemporary art in glass. E nello specifico, alla visione artistica di Adriano Berengo, fondatore del Berengo Studio, realtà che mette a contatto il mondo del vetro con artisti internazionali.

L'obiettivo è quello di narrare la lunga tradizione del vetro di Murano, presentandone l'intreccio con l'arte e il design contemporaneo.

La mostra si snoda attraverso più luoghi e musei, come il Dordrechts Museum, DordtYart, Huis Van Gijn e il Dordts Patriciërshuis, presentando i lavori degli artisti che più hanno saputo coniugare creatività e arte vetraria. Una meta insolita e poco battuta per l'estate 2016.

Berlino: per lasciarsi ispirare dalle grafiche della DDR

  • Cosa: Masse und Klasse, Graphic Design in the GDR, Werkbundarchiv - Museum der Dinge
  • Quando: fino al 29 agosto 2016

Ha un che di nostalgico la mostra Masse und Klasse, Graphic Design in the GDR. Un viaggio alla scoperta della cultura estetica della Germania dell'Est, tra copertine di riviste e dischi, packaging di prodotti e pubblicità.

La mostra esplora l'impatto che ebbe la situazione politica e culturale della DDR sulla creatività grafica dei tempi. Una riflessione, quella di Masse und Klasse, che contraddice la classica visione “grigia e pallida” della Germania dell'Est e che ne presenta un volto nuovo e multicolor. Ancora oggi fonte di ispirazione.

Wakefield, Regno Unito: per lasciarsi incantare dalla land art

  • Cosa: Not Vital, Yorkshire Sculpture Park
  • Quando. Fino al 2 gennaio 2017

Lui è uno degli scultori e land artist più interessanti (e giovani) del momento. A riconoscere il talento di Not Vital è lo Yorkshire Sculpture Park di Wakefield, che ha organizzato la prima grande personale dell'artista nel Regno Unito.

La mostra presenta alcune opere site-specific realizzate appositamente per il parco, così come disegni e installazioni indoor. Un percorso attraverso le ispirazioni dell'artista, raccolte in anni di viaggi attorno al mondo.

New York: per riflettere sull'evoluzione del concetto di bellezza

  • Cosa: Beauty, Cooper Hewitt Design Triennial
  • Quando: fino al 31 agosto

Cosa significa “bellezza” oggi? E qual è il ruolo della bellezza nella società contemporanea?

A porsi queste domande è il Cooper Hewitt Design Museum di New York, che con la mostra Beauty presenta le opere degli stilisti, designer, ricercatori e artisti che hanno contribuito (o che contribuiscono ancora) alle trasformazioni del concetto di bellezza.

Divisa in sette sezioni, corrispondenti ad altrettanti volti della bellezza (stravagante, intricato, etereo, trasgressivo, emergente, elementare e trasformativo), la mostra indaga i nuovi significati del “bello” nella società di oggi.

News
Il nuovo quartier generale Lego
Products
Dieci sgabelli in legno per il 2016
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto