Still del film 'L’infinita fabbrica del Duomo', di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti
Still del film 'L’infinita fabbrica del Duomo', di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti
Still del film 'L’infinita fabbrica del Duomo', di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti
Still del film 'L’infinita fabbrica del Duomo', di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti
News

Il Duomo di Milano si trasforma in cinema

Milano Design Film Festival

Un evento estivo imperdibile (con entrata libera fino a esaurimento posti). Lunedì 11 luglio 2016, con ingresso alle ore 20.00, all’interno del Duomo di Milano sarà proiettato il film L’infinita fabbrica del Duomo (74’), di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, grazie alla collaborazione tra Milano Design Film Festival e la Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano.

Presentato in anteprima al 68° Festival del Film di Locarno, il documentario è un racconto poetico dedicato ai secoli di attività occorsi all'uomo per realizzare e mantenere il Duomo di Milano: un omaggio al lavoro infinito di marmisti, carpentieri, muratori, fabbri, restauratori e orafi, uomini senza volto che tengono in vita la grande cattedrale.

Attraverso una prospettiva poetica e dal forte impatto visivo, il film segue le fasi e i lavori che la conservazione del Duomo richiede.

Per più di un anno, i registi hanno vissuto spalla a spalla con gli operai ed il personale della Veneranda Fabbrica, cogliendone emozioni, gesti e visioni, cercando di entrare nella profondità del loro lavoro, percorrendo i luoghi dove quotidianamente si incide nel marmo l’infinita storia del Monumento, dalle Cave di Candoglia al Cantiere Marmisti, dal campo base di Cantiere presente sulle Terrazze della Cattedrale all’Archivio, diario giorno per giorno della città da quasi sette secoli.

«Abbiamo voluto rappresentare la relazione che c’è tra la tensione verso l’infinito inteso come immortalità della Cattedrale e la dimensione umana, terrena, simboleggiata dall’attività incessante dei vari artigiani», hanno raccontato i registi.

Il pubblico potrà entrare solo ed esclusivamente dalle porte mediane in facciata. Gli organizzatori raccomandano un abbigliamento consono a un luogo di culto: spalle coperte, pantaloni lunghi, ricordando che è vietato introdurre oggetti di vetro e caschi.

Products
Un servizio da tavola firmato Nilufar
Storytelling
15 studi di architettura da seguire su Instagram
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Si trova sul Passeig de Gràcia ed è caratterizzato da un particolare sistema di nicchie composto da elementi ceramici simili alle tegole
Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell

Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell'editoria indipendente

La settima edizione della fiera internazionale dedicata all’editoria d’arte indipendente. Da venerdì 1 a domenica 3 febbraio
Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Designer, artista, scenografo parigino, con una versatilità creativa che si nutre del disegno e del colore. Negli anni 80 incontra il design italiano e inizia a creare oggetti, senza mai pensare alle mode e alle pubbliche relazioni. Ma soltanto alle forme funzionali
I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

Dopo l’Italia è la volta della Cina. Ecco i nomi dei Rising Talent dell’edizione invernale della rassegna parigina
Caragh Thuring e l

Caragh Thuring e l'arte del tartan

La Thomas Dane Gallery di Napoli festeggia il suo primo anniversario con una personale dell'artista belga Caragh Thuring, che ha orchestrato una riflessione sui significati del tartan tra Napoli e la Scozia. L'abbiamo intervistata