Credits: Michel Giesbrecht
News

Le cinque installazioni artistiche da non perdere durante l’estate

L'estate 2016 è ricca di installazioni artistiche e, a quanto pare, il livello propositivo di determinati eventi sembra toccare l'apice. 

È il momento ideale per pianificare una gita, unire l'utile al dilettevole e far coincidere la propria visita di piacere con un veloce tour all'insegna dell'arte e del design. Siamo certi che ne varrà la pena. 

I protagonisti delle installazioni artistiche:

Mathieu Lehanneur, Christo, Yayoi Kusama, Ugo Rondinone e Olafur Eliasson accompagneranno turisti e appassionati lungo questa bollente estate e alcune delle opere saranno visitabili fino alla fine di settembre. Opere che plasmano il territorio e lavorano con la materia, illusioni ottiche e contrasti cromatici. 

Nella galleria, le loro 5 installazioni artistiche, accomunate dalle caratteristiche sopra descritte e che valgono assolutamente tutto il costo del viaggio

Italia, Francia e Stati Uniti i territori prescelti per questa veloce incursione.

Buon divertimento.

Dal 5 maggio al 2 novembre, in occasione dell'International Garden Festival, l'installazione di Mathieu Lehanneur che prevede una visione surreale di uno spicchio d'acqua. Realizato da MCM ateliers, composto da un singolo pezzo di marmo verde lucidato a mano, Petite Loire riproduce l'effetto visivo della superficie dell'acqua increspata dal vento - Credits: Michel Giesbrecht
L’ultima opera di Ugo Rondinone consiste in un'installazione situata non molto lontano da Las Vegas. Sette torri composte da blocchi colorati si innalzano per evidenziare l’intervento umano sulla vastità del deserto. Forma e colore alla massima espressione - Credits: Ugo Rondinone
Narcissus Garden è l’opera di Yayoi Kusama, installata per l’occasione presso la Glass House di new Canaan nel Connecticut. 1300 sfere di metallo galleggianti, dal diametro di 30 centimetri verranno liberate nel lago e nella foresta circostante. Dal primo al 26 settembre, sarà possibile vedere la superficie delle sfere riflettere la luce e i colori che le circondano - Credits: Matthew Placek
Le consuete illusioni di Olafur Eliasson, quest’anno si presentano al palazzo reale di Versailles – palcoscenico annuale per l’arte internazionale. Nel lavoro di Eliasson, 5 opere incentrate sull’utilizzo degli specchi e 3 che giocano con gli elementi presenti nel parco. Impossibile non nominare la cascata nel Grand Canal - Credits: Olafur Eliasson
Visitabile per 16 giorni - dal 18 giugno al 3 luglio - condizioni climatiche permettendo, l'ultima opera di Christo è la reimmaginazione del Lago Iseo. Una passerella composta 220.000 cubi in polietilene rivestiti da 100.000 metri quadrati di tessuto giallo sarà percorribile per raggiungere le zone di terra poco lontane - Credits: Wolfgang Volz
News
Ludovico Einaudi suona tra i ghiacci del Polo Nord in difesa dell’Artico
Products
Tutte le forme del marmo: 10 oggetti di design
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi