News

Festival on Festival, la première italiana del film The Infinite Happines 

Milano Design Film Festival

Sabato 16 aprile alle ore 18.30 presso il Teatro dell’Arte della Triennale di Milano ci sarà il primo appuntamento con il Festival on Festival, nuovo progetto di Milano Design Film Festival in collaborazione con la XXI Triennale, Design after Design

Dopo la presentazione degli ospiti, i filmmaker Ila Bêka e Louise Lemoîne, alle ore 20 per la prima volta in Italia sarà proiettato il loro film The Infinite Happines (2015), girato nel complesso ultramoderno di appartamenti "8 House", progettato da Bjarke Ingels Group (BIG) nella periferia di Copenhagen e sviluppato in strati orizzontali, con tipologie abitative e commerciali diverse collegate da una passeggiata continua e da piste ciclabili che conducono fino al 10° piano.

I due registi danno voce ai protagonisti, i residenti, che possono attraversare i piani dell’edificio in bicicletta, mentre i loro figli frequentano l’asilo al piano terra. Dalla caratteristica forma a 8, il villaggio verticale è stato eletto nel 2011 come "migliore edificio residenziale del mondo".

Il duo ha girato film di successo come Koolhaas Houselife, Xmas Meier, Gehry’s Vertigo, Inside Piano, Pomerol Herzog & de Meuron, il recente Barbicania, proiettato nella scorsa edizione di Milano Design Film Festival

Con i loro lavori Beka & Lemoine mettono in discussione, l’idealizzazione nella rappresentazione dell’architettura esaltandone al contempo la vulnerabilità, la vitalità e la bellezza.

«Quello che esploriamo è la relazione che si crea tra chi sta all’interno di uno spazio e lo spazio stesso, l’energia che scaturisce, perché siamo convinti che la forza dell’architettura stia nel creare relazioni», ci hanno spiegato.

Con il progetto Festival on Festival, MDFF ha invitato 10 Festival cinematografici internazionali a selezionare pellicole dedicate all’esplorazione del tema portante della XXI Triennale, Design after Design.

Gli appuntamenti in calendario, tutti in Triennale, compongono una lente sfaccettata con cui osservare e farci entrare in contatto con nuove pratiche, approcci e progetti del contemporaneo, in relazione alle eredità progettuali delle singole nazioni rappresentate da ogni festival. Vi terremo aggiornati, ma nel frattempo prendete nota delle altre date: 24-25 maggio, 21-22 giugno, 12-13 luglio e 6 settembre.

Per partecipare alla première italiana del film The Infinite Happines, ingresso libero fino a esaurimento posti, prenotando via mail: [email protected]

Milano Design Week
10 eventi da non perdere al Fuorisalone 2016
Milano Design Week
Thonet presenta Thonet All Seasons, la collezione per tutte le stagioni
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”