News

A casa col design: i film, doc e le serie tv da vedere in quarantena

Condivisione, nonostante la doverosa distanza fisica, è una delle parole ricorrenti in questi giorni di quarantena a causa della diffusione del Coronavirus. Musei, istituzioni culturali, archivi, artisti ed esperti di diverse discipline stanno individuando modalità proprie per rendere il tempo da trascorrere in casa un'occasione di apprendimento, formazione, divulgazione, evasione mentale, sfruttando tutte le potenzialità della rete. Così, mentre proseguono le raccolte fondi per aiutare gli ospedali, possiamo continuare ad alimentare e accrescere le nostre passioni anche recuperando una serie tv, un video, un documentario. Piccole forme di 'resistenza culturale e mentale', da mettere in campo tra le proprie mura domestiche. 

L'arte nutre l'anima. Cinema d'artista in tempi di crisi 

L’arte nutre l’anima. Cinema d’artista in tempi di crisi è la risposta del festival fiorentino Lo Schermo dell’arte alla campagna nazionale #iorestoacasa. Fino alle ore 21 del 3 aprile 2020, connettendosi alla piattaforma appositamente sviluppata con MyMovies, sarà possibile vedere (o rivedere!) una selezione di film d'artista concessi dall'archivio della kermesse. Al progetto hanno aderito, acconsentendo allo streaming gratuito delle rispettive opere, gli artisti Alterazioni Video, Phil Collins, Jordi Colomer, Jeremy Deller, Rä di Martino, Rebecca Digne, Omer Fast, Flatform, Alfredo Jaar, Adrian Paci, Martina Melilli e Luca Trevisani.

The architecture player

Divulgare l'architettura e il design attraverso i video è 'mission' della piattaforma The architecture player: Se non la conoscete ancora, è il momento giusto per scoprire l'intera offerta online. Accompagnati da testi acuti e accurati, i video di architettura resi disponibili sul sito rivelano tutto il potenziale di questo media nella narrazione e comprensione del progetto, indipendente dalla scala di intervento. Curata dallo stesso team che per anni ha organizzato il festival Beyond Media, la piattaforma concepisce infatti il video come uno strumento per aumentare il valore del design e favorire la condivisione delle conoscenze.

Abstract: The Art of Design

Immancabile in questa lista è la serie originale Netflix Abstract: The Art of Design, che ha debuttato nel 2017. Dopo gli otto protagonisti del ciclo d'esordio - tra loro l'architetto danese Bjarke Ingels, l'interior designer Ilse Crawford e lo scenografo Es Devlin - la seconda serie, rilasciata nel 2019, apre il campo a nuove declinazioni della progettazione, dando la parola a sei protagosti della scena globale. Mantenendo sostanzialmente inalterata la struttura precedente, nei nuovi episodi il format si addentra in campi più sperimentali. Come? Documentando il lavoro della progettista, docente ed esperta di bioarchitettura Neri Oxman, entrando nei laboratori dell'azienda di giocattoli Heroes Will Rise, fondata da Cas Holman, spingendosi nel dietro le quinte delle installazioni sensoriali di Olafur Eliasson, solo per citare alcuni esempi. 

Hadid, Wright, Mies Van der Rohe, Ponti: imparando dai maestri

Ampia e adatta anche a un pubblico eterogeo l'offerta di contenuti legati al design e alla progettazione disponibili su Rai Play. Sulla scia del centenario dalla fondazione del Bauhaus si colloca il doc Bauhaus Spirit, che in 51 minuti ricostruisce l'epopea di una delle esperienze (non solo) formative più rilevanti del Novecento. Attiva un confronto fra tre architetti di indiscutibile influenza la mini-serie I tre architetti, composta da tre doc, di meno di un'ora ciascuno, rispettivamente dedicati ai maestri della disciplina Wright, Mies Van der Rohe, Ponti. A quasi quattro anni dalla scomparsa, Zaha Hadid. Forme di architettura contemporanea impiega il progetto dell'Heydar Aliyev Center di Baku, in Azerbaigian, come espediente per la ricostruzione di una fase cruciale della carriera della progettista anglo-irachena. Si passa invece su YouTube, ma sempre nel segno di Hadid, con il doc Zaha: An Architectural Legacy, rilasciato dalla testata Architects' Journal nel primo anniversario della scomparsa dell'architetta. Arricchito con contribuiti e testimonianze dei suoi collaboratori, si sofferma su cinque momenti salienti della sua parabola professionale. Infine, da Peter Zumthor a Norman Foster, questo canale YouTube è denso di proposte.