Wire, il cestino prodotto da Ferm Living - Credits: Made In Design
Wire, il cestino prodotto da Ferm Living - Credits: Made In Design
Hee, la poltrona disegnata da Hee Welling per HAY - Credits: Made In Design
Traffic, la poltrona disegnata Konstanin Grcic per Magis - Credits: Made In Design
Credits: Made In Design
Dom, la lampada da tavolo disegnata da Arik Levy per Forestier - Credits: Made In Design
News

Filo di ferro: 5 progetti d’arredamento innovativi

Alessandro Mitola

Duttile e malleabile, il ferro è un prezioso elemento naturale largamente impiegato nell’ambito del design e dell’architettura. Attraverso lavorazioni che fondono tradizione artigianale e avanzate tecnologie il ferro trova spazio nei profili e nei dettagli dei più importanti progetti di design. 

La giovane azienda danese Hay propone una poltrona dal design slanciato che porta la firma del designer Hee Welling, da cui prende il nome. La seduta è realizzata in filo d’acciaio da 11 millimetri e rispecchia a pieno l’identità del brand nordeuropeo. Linea dopo linea, prende forma senza l’aggiunta di ornamenti superflui, garantendo una seduta confortevole nonostante l’apparente rigidità. Hee si adatta sia agli spazi interni che a quelli esterni ed è progettata per essere impilabile: è un connubio equilibrato tra estetica e funzione.

Sempre dalla Danimarca arriva il cestino Wire prodotto da Ferm Living. Si tratta di un oggetto multifunzionale dalle linee aeree e geometriche. La leggerezza formale è il suo punto di forza: dalla cucina al living, dalla zona notte al bagno, Wire è un oggetto camaleontico capace di adattarsi con estrema facilità a ogni spazio domestico. Inoltre, con l’ausilio di un coperchio in legno, si trasforma in un elegante tavolinetto.

Per Konstanit Grcic l’ispirazione per la collezione Traffic, firmata per Magis, arriva dai primi mobili a struttura tubolare disegnati da Marcel Breuer, Gerrit Rietveld e Charlotte Perriand. La struttura minimale della poltrona circonda i cuscini imbottiti, quasi a formare una gabbia geometrica. Il designer tedesco l'ha commentata così: «La modesta semplicità del suo concept le conferisce un gradevole look naturale».

Il designer giapponese Oki Sato, fondatore dello studio di progettazione Nendo, gioca con il ferro e segue le venature ad anello che compongono il tronco di un albero disegnando linee leggere. Il risultato è Kub, uno sgabello realizzato in acciaio verniciato, firmato per Moroso, che si distingue per il suo design minimalista ed essenziale.

Infine Dom, una lampada da tavolo disegnata da Arik Levy per Forestier, interamente realizzata in metallo laccato. La struttura portante in filo metallico crea un contrasto netto con la cupola che la sormonta, dando vita a lampada originale in grado di donare personalità agli interni.

 

Products
Tappeti d'autore, tutte le novità per il living
Storytelling
10 sedute che hanno fatto la storia del design
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto