Veduta dell'installazione a cura di Daniel Buren - Credits: Fondation Louis Vuitton
News

Una cascata di colori sulla Fondation Louis Vuitton

Le dodici vele costituite da 3600 lastre di vetro della Fondation Louis Vuitton si trasformano in un caleidoscopio colorato.

Observatory of Light è l’ultima impresa dell’artista francese Daniel Buren, che dal prossimo 11 maggio rivoluzionerà temporaneamente l’emblematica architettura parigina firmata da Frank Gehry.

Una moltitudine di filtri colorati sarà applicata alla struttura a distanze uguali. Alternando strisce bianche e vuote perpendicolari al suolo. Per un totale di tredici cromie in un gioco di riflessi e ombre colorati che appariranno e scompariranno, ritmati dall’intensità della luce.

«Daniel Buren ha realizzato un progetto grandioso, pertinente e incantevole, il risultato di un dialogo reale con Frank Gehry e la sua costruzione. Il suo lavoro risponde magnificamente all'architettura, in linea con il suo approccio, il quale risale al 1970, che vede un incontro tra colori, trasparenza e luce», ha commentato Bernard Arnault, presidente della Fondation Louis Vuitton.

Un suggestivo e inedito intervento di Daniel Buren sarà visibile, a partire dal 27 maggio, anche sulle vetrate dell’ Espace Louis Vuitton di Venezia durante la prossima mostra, annunciata dalla Fondation Louis Vuitton: Fondation Louis Vuitton Building in Paris by Frank Gehry. Con l’intervento di Daniel Buren”.

La mostra ripercorrerà il processo creativo e tecnico che è alla base della nascita della Fondation Louis Vuitton, un’ opera che è già icona dei nostri tempi e che ha inaugurato a Parigi il 27 Ottobre 2014. I visitatori potranno scoprire una selezione inedita di modelli in scala realizzati per il progetto dal Gehry Partners Studio, che ripercorrono lo studio dei diversi aspetti dell’edificio: integrazione al sito, programma architettonico, concezione del progetto, spazi interni, «iceberg» e vele di vetro.

Presentata per la prima volta a Parigi in occasione dell’inaugurazione della Fondation Louis Vuitton, la mostra, appositamente riprogettata da Gehry Partners per l’Espace Louis Vuitton di Venezia, rappresenta il primo passo verso un nuovo corso dell’Espace, che a partire da maggio 2016, diventerà a tutti gli effetti un satellite della Fondation, condividendo con quest’ultima contenuti, opere e filoni tematici culturali e artistici delle future mostre.

Milano Design Week
MaxDivani, divani ma non solo
Storytelling
Sessant'anni di Rimadesio
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Ristrutturare casa: i suggerimenti di CasaFacile

Ristrutturare casa: i suggerimenti di CasaFacile

Dai pavimenti agli infissi, passando il soppalco e il bagno. Una guida utile per progettare e rinnovare casa
L

L'opera pubblica di Roberto Coda Zabetta a Portivy, in Bretagna

L'artista biellese ha realizzato un grande affresco utilizzando pigmenti organici. Marea dopo marea, il dipinto verrà assorbito dal mare
Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

La celebre seduta firmata dal progettista danese nel 1963 si rifà il look, optando per un connubio di pietra e compositi in fibra di carbonio
Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Si trova a Napoli, per la precisione nel quartiere di Chiaia, ed è costruito all’interno di una cava di tufo su sette livelli
Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Un’ossessione da collezionista per Batman. E per i mobili di Eileen Gray. Il più acclamato designer editoriale al mondo rivela le sue passioni e ispirazioni