Veduta dell'installazione a cura di Daniel Buren - Credits: Fondation Louis Vuitton
News

Una cascata di colori sulla Fondation Louis Vuitton

Le dodici vele costituite da 3600 lastre di vetro della Fondation Louis Vuitton si trasformano in un caleidoscopio colorato.

Observatory of Light è l’ultima impresa dell’artista francese Daniel Buren, che dal prossimo 11 maggio rivoluzionerà temporaneamente l’emblematica architettura parigina firmata da Frank Gehry.

Una moltitudine di filtri colorati sarà applicata alla struttura a distanze uguali. Alternando strisce bianche e vuote perpendicolari al suolo. Per un totale di tredici cromie in un gioco di riflessi e ombre colorati che appariranno e scompariranno, ritmati dall’intensità della luce.

«Daniel Buren ha realizzato un progetto grandioso, pertinente e incantevole, il risultato di un dialogo reale con Frank Gehry e la sua costruzione. Il suo lavoro risponde magnificamente all'architettura, in linea con il suo approccio, il quale risale al 1970, che vede un incontro tra colori, trasparenza e luce», ha commentato Bernard Arnault, presidente della Fondation Louis Vuitton.

Un suggestivo e inedito intervento di Daniel Buren sarà visibile, a partire dal 27 maggio, anche sulle vetrate dell’ Espace Louis Vuitton di Venezia durante la prossima mostra, annunciata dalla Fondation Louis Vuitton: Fondation Louis Vuitton Building in Paris by Frank Gehry. Con l’intervento di Daniel Buren”.

La mostra ripercorrerà il processo creativo e tecnico che è alla base della nascita della Fondation Louis Vuitton, un’ opera che è già icona dei nostri tempi e che ha inaugurato a Parigi il 27 Ottobre 2014. I visitatori potranno scoprire una selezione inedita di modelli in scala realizzati per il progetto dal Gehry Partners Studio, che ripercorrono lo studio dei diversi aspetti dell’edificio: integrazione al sito, programma architettonico, concezione del progetto, spazi interni, «iceberg» e vele di vetro.

Presentata per la prima volta a Parigi in occasione dell’inaugurazione della Fondation Louis Vuitton, la mostra, appositamente riprogettata da Gehry Partners per l’Espace Louis Vuitton di Venezia, rappresenta il primo passo verso un nuovo corso dell’Espace, che a partire da maggio 2016, diventerà a tutti gli effetti un satellite della Fondation, condividendo con quest’ultima contenuti, opere e filoni tematici culturali e artistici delle future mostre.

Milano Design Week
MaxDivani, divani ma non solo
Storytelling
Sessant'anni di Rimadesio
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”