Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
Isola di Petra, New York - Credits: Chilton & Chadwick
News

In vendita due abitazioni firmate Frank Lloyd Wright

L’isola di Petra, 50 miglia a nord di New York, ospita due proprietà firmate Frank Lloyd Wright: un piccolo cottage e una residenza principale con quattro camere da letto. L’isola si affaccia sul lago Mahopac e si estende per 11 acri (4,4 ettari), dispone di una pista per elicottero e un molo per l'attracco. Per raggiungerla da Manhattan sono sufficienti 15 minuti.

L’isola porta con sé una storia controversa. Il progetto originale fu concepito nel 1949 per l’ingegner Ahmed Chahroudi, che non potendo permettersi di corrispondere la cifra stimata ripiegò su un cottage di dimensioni ridotte, sempre firmato da Wright. Successivamente la proprietà passò in mano a Joseph Massaro, che nel 2007 decise di dare alla luce il progetto iniziale di Wright, a cinquant'anni dalla sua morte, avvalendosi dell’aiuto dell’architetto e storico Thomas A. Heinz. Il risultato combina i prinicipi progettuali concepiti da Frank Lloyd Wright, come l’integrazione degli elementi naturali dell’isola con l’architettura, unitamente a una serie di soluzioni inedite tra cui alcune videocamere di sorveglianza, un sistema di condizionamento e di riscaldamento radiante.

Durante i lavori John Massaro si scontrò duramente con la Frank Lloyd Wright Foundation, che dal 1940 detiene le proprietà intellettuali dell’architetto americano e che non ha mai riconosciuto ufficialmente l’opera come una creazione originale del maestro americano. Oggi entrambe le proprietà sono sul mercato per 14,9 milioni di dollari, la vendita è gestita al gruppo immobiliare Chilton & Chadwick.

 

Products
Un’alternativa all’iconica bottiglietta Kikkoman
Products
Eclipse, la base di ricarica smart per smartphone e tablet
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Bike Rome: esplorare la mobilità su due ruote

Bike Rome: esplorare la mobilità su due ruote

Un progetto di tesi realizzato dagli studenti di IED Roma che mette insieme design e sostenibilità
Ripercorrere i sentieri della storia: il nuovo Jameel Arts Centre di Dubai

Ripercorrere i sentieri della storia: il nuovo Jameel Arts Centre di Dubai

Nasce il primo museo indipendente d'arte contemporanea a Dubai. Un centro dedicato alla creatività che scorre nelle regioni del Golfo, alla ricerca delle trame che ne compongono l'identità
Sei architetti chef per una sera

Sei architetti chef per una sera

Succede a Venezia, in occasione di ArchichefNight 2018: martedì 20 novembre l’architettura si sposta ai fornelli
Edison e Fondazione Prada: insieme per la sostenibilità

Edison e Fondazione Prada: insieme per la sostenibilità

Una partnership green che guarda al futuro, per un uso efficiente delle risorse all’interno degli spazi espositivi, evitando sprechi energetici
70 anni di prodotti Coop in mostra alla Triennale

70 anni di prodotti Coop in mostra alla Triennale

Curata da Giulio Iacchetti e Francesca Picchi, omaggia l’universo dei prodotti targati Coop nel panorama delle proposte italiane