Giacomo Balla - Linea- forza di mare, 1919 - Credits: Palazzo Ricci, Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata
Fortunato Depero - Pagliaccetti, - Credits: Palazzo Ricci, Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata
Ivo Pannaggi - Il ratto d'Europa, 1963-1968 - Credits: Musei Civici, Palazzo Buonaccorsi, Macerata
Tullio Crali - I Naviganti, 1933-34 - Credits: Colleziona privata
Wladimiro Tulli - In picchiata nell’arcobaleno, 1942 - Credits: Museo d’Arte Moderna, dell’Informazione e della Fotografia, Senigallia
Tullio Crali - Le forze della curva, 1930 - Credits: Collezione privata
Cleto Capponi, Caricatura di Primo Carnera - Credits: Collezione privata
Cleto Capponi - Mare in tempesta, 1951 - Credits: Collezione privata
Credits: Collezione privata
Alessandro Bruschetti - Il fulmine, 1932 - Credits: Collezioni d’Arte e di Storia della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna
Waldimiro Tulli - 2 aerei 2, 1939 - Credits: Palazzo Ricci, Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata
Tullio Crali - Ballelica, 1932 - Credits: Colleziona privata
Ivo Pannaggi - Soldati della prima guerra mondiale, 1920 ca. - Credits: Collezione Devanna, Bitonto
Leonardo Castellani - Nudo femminile, 1920 - Credits: Collezione Devanna, Bitonto
News

Venti futuristi in mostra a Senigallia

Fino al prossimo 2 luglio il Palazzo del Duca di Senigallia ospiterà Venti futuristi, una mostra interamente dedicata al  futurismo, con un focus sugli sviluppi che il movimento artistico italiano ha avuto nelle Marche a partire dal 1922.

«Già dal titolo si vuole subito sottolineare la carica innovativa che il movimento futurista porta nella regione marchigiana e non solo, un vento di cambiamento che non coinvolge solamente le arti figurative, ma tutti gli aspetti del vivere quotidiano, provocando un rinnovamento radicale negli stili di vita», spiega Stefano Papetti, curatore della mostra e direttore dei Musei Civici di Ascoli Piceno.

L’esposizione presenta oltre cinquanta opere tra cui dipinti, disegni, studi per abiti, incisioni, prove grafiche ed elementi legati all’arredo della casa. Venti gli artisti in mostra: dai firmatari del primo manifesto dell’arte futurista come Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Fortunato Depero e Gino Severini, ai loro giovani seguaci quali Ivo Pannaggi, Sante Monachesi, Umberto Peschi, Wladimiro Tulli, Gerardo Dottori e Tullio Crali.

A complemento della mostra, è stato pubblicato un catalogo, edito da Silvana Editoriale, a cura di Stefano Papetti e con i contributi di Margherita Gallo, Diego Poli, Franca Mancini, Aldo Mastroianni e Adriano Rosellini, Roberto Rossini. Nicoletta Rosetti e Paola Raggi.

Products
Flux Swing: linee morbide, funzionalità al top
Storytelling
In conversazione con Jan Fabre
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto