Dancing in Emilia, 1978 - Credits: Ph. Gabriele Basilico/Archivio Gabriele Basilico, Milano
Dancing in Emilia, 1978 - Credits: Ph. Gabriele Basilico/Archivio Gabriele Basilico, Milano
Dancing in Emilia, 1978 - Credits: Ph. Gabriele Basilico/Archivio Gabriele Basilico, Milano
Dancing in Emilia, 1978 - Credits: Ph. Gabriele Basilico/Archivio Gabriele Basilico, Milano
Dancing in Emilia, 1978 - Credits: Ph. Gabriele Basilico/Archivio Gabriele Basilico, Milano
Dancing in Emilia, 1978 - Credits: Ph. Gabriele Basilico/Archivio Gabriele Basilico, Milano
Dancing in Emilia, 1978 - Credits: Ph. Gabriele Basilico/Archivio Gabriele Basilico, Milano
News

Gabriele Basilico, tra musica e balli

L’occhio attento di Gabriele Basilico si posa su minigonne, luci stroboscopiche, abiti eleganti e papillon. È il 1978 e il grande maestro della fotografia viene incaricato da Modo, mensile di architettura e design diretto da Alessandro Mendini, di compiere un’analisi fotografica sull’universo delle discoteche in Emilia-Romagna.

È il boom del liscio di Raoul Casadei e dei ritmi di John Travolta, che animano le numerose discoteche della zona fra Parma e Ravenna. Sono i luoghi del divertimento collettivo, raccontati da Gabriele Basilico attraverso una narrazione multiforme che abbraccia non solo le architetture degli edifici ma anche i codici visivi del periodo. Il progetto Dancing in Emilia, cui la rivista dedica 10 pagine, è scandito da vedute esterne d'insieme delle architetture, interni vuoti, allestiti e illuminati, pronti per accogliere le moltitudini di frequentatori di ogni età; ritratti dei singoli ballerini, o dei gruppi intenti nel ballo collettivo, coppie impegnate nei passi di danza. Immagini di grande impatto visivo, bianco e nero, realizzate con l’ausilio del flash.

Oggi, a distanza di quasi quarant’anni dalla realizzazione del progetto, presentato per la prima volta nel 1980 alla Galleria Civica di Modena dove è stato riproposto nel 2013, rivive ancora una volta negli spazi di Nonostante Marras a Milano. Dal 23 febbraio al 26 marzo il concept store di Antonio Marras ospita le potenti immagini di Basilico in una mostra a cura di Francesca Alfano Miglietti, con la collaborazione dello Studio Basilico.

Milano Design Week
Neri Oxman al Fuorisalone 2017, il progetto per Lexus 
Places
8 gallerie d'arte da vedere a Roma
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi