Gae Aulenti ritratta da Ugo Mulas, 1967 - Credits: Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli
News

Omaggio a Gae Aulenti alla Pinacoteca Agnelli di Torino

Sono passati quattro anni dalla scomparsa di Gae Aulenti, architetto e designer tra i più importanti nel panorama nazionale e internazionale, che ha lasciato una traccia indelebile sulla fisionomia di numerose città.

Una carriera intensa, quella di Gae Aulenti, costellata da importanti premi e riconoscimenti, scandita da opere di design, architettura di interni e complesse ristrutturazioni in giro per il mondo.

Come la Gare d’Orsay a Parigi, il progetto del Musée d’art moderne al Centre Pompidou, il restauro di Palazzo Grassi a Venezia e del Palavela di Torino. E ancora, il nuovo volto di Piazza Cadorna a Milano con l’inserimento della scultura Ago, Filo e Nodo di Claes Oldenburg e CoosjeVan Bruggen, il Museo di Arte Catalana a Barcellona e il Museo di Arte Contemporanea a Istanbul.

Il primo tributo al suo operato arriva con la mostra Omaggio a Gae Aulenti, in scena a Torino fino al prossimo 28 agosto negli spazi della Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli.

Curata da Nina Artioli, nipote di Gae Aulenti, ripercorre le tappe salienti del percorso culturale e professionale dell’architetto, partendo da un luogo ricco di storia: la casa studio di Milano progettata nel 1974.

In mostra ci sono anche oggetti emblematici come le lampade create per Martinelli Luce, allestimenti ideati per privati, come la Casa detta ‘del collezionista’ a Milano, o per mostre come Italy: The New Domestic Landscape al MOMA di New York nel 1971. E ancora, una sala dedicata al teatro con le scenografie per gli spettacoli di Luca Ronconi e uno spazio dedicato ai musei come il Musée d’Orsay e Palazzo Grassi. Fino ai grandi progetti architettonici come l’Istituto italiano di cultura e Cancelleria dell’Ambasciata italiana a Tokyo e la riqualificazione di Piazzale Cadorna a Milano.

Un percorso intimo, preciso, una fotografia nitida dedicata a una delle personalità di maggior rilievo della cultura architettonica italiana del XX secolo.

Credits: Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, foto di Margherita Borsano
Credits: Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, foto di Margherita Borsano
Credits: Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, foto di Margherita Borsano
Credits: Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, foto di Margherita Borsano
Credits: Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, foto di Margherita Borsano
Credits: Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, foto di Margherita Borsano
Credits: Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, foto di Margherita Borsano
Credits: Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, foto di Margherita Borsano
Credits: Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, foto di Margherita Borsano
Credits: Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, foto di Margherita Borsano
Credits: Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, foto di Margherita Borsano
News
Quale futuro per l’illuminazione decorativa?
Places
Il nuovo showroom Tadafusa, brand di coltelli giapponesi artigianali
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto