Credits: A sinistra: Victoria, Baykal, Tanganyika, Marco Zanini, Memphis-Milano, 1982, Vasi da fiori in ceramica, varie misure. Courtesy Memphis srl. Foto © Studio Azzurro. A destra: Clesitera e Maia, Ettore Sottsass, Memphis-Milano, 1986, Vasi in vetro soffiato, varie misure. Courtesy Memphis srl. Foto © Santi Caleca.
Credits: A sinistra: Riviera, Nathalie Du Pasquier, Memphis-Milano, 1983, Tappeto in lana fatto a mano da artigiani nepalesi in tecnica Uma, varie misure. Courtesy Memphis srl. Foto © Studio Azzurro. A destra: Kyoto, Shiro Kuramata, Memphis-Milano, 1983, Tavolino in metallo e conglomerato di cemento, Ø 60, H 70 cm. Courtesy Memphis srl. Foto © Studio Azzurro.
Credits: Alcune opere Memphis-Milano firmate da Ettore Sottsass negli spazi di Galleria Post Design. Courtesy Memphis | Galleria Post Design. Foto © Delfino Sisto Legnani.
Credits: A sinistra: Il Tawaraya Ring (1981) di Masanori Umeda per Memphis-Milano negli spazi di Galleria Post Design. Courtesy Memphis | Galleria Post Design. Foto © Delfino Sisto Legnani. A destra: Alcune opere Memphis-Milano firmate da Ettore Sottsass negli spazi di Galleria Post Design. Courtesy Memphis | Galleria Post Design. Foto © Delfino Sisto Legnani.
News

Una nuova piattaforma online dedicata al Gruppo Memphis

Un indirizzo digitale unico e completo destinato a tutti gli appassionati del Gruppo Memphis: da qualche giorno è online la piattaforma memphis-milano.com, che combina un rinnovato e-commerce a un archivio digitale consultabile gratuitamente.

Presentato in occasione del Fuorisalone Digital 2020, il progetto web arriva alla vigilia dei quarant'anni dalla fondazione del movimento da parte di Ettore Sottsass: un traguardo che ricorrerà nel 2021. 

Oltre 700 i prodotti acquistabili online, tra cui luci, ceramiche, vetri, tappeti, tavoli e sedute, home decor; i protagonisti sono i pezzi iconici dell'influente gruppo divenuto in appena sette anni di attività un fenomeno globale grazie anche all'imprescindibile contributo di Aldo Cibic, Matteo Thun, Marco Zanini, Martine Bedin, Michele De Lucchi, Nathalie Du Pasquier e George Sowden.

Parallelamente, il portale consente di addentrarsi tra i mobili delle collezioni d'artista firmate Meta Memphis, raramente visibili altrove, e tra le successive produzioni del brand Post Design, nato nel 1997. Quest'ultima denominazione identifica anche la galleria milanese sede delle iniziative culturali legate all'eredità di Memphis.

Nonostante lo scioglimento ufficiale del gruppo sia avvenuto nel 1988, è ancora forte l'influenza di questa esperienza nelle giovani generazioni di progettisti, artisti e creativi. Non secondaria risulta quindi la presenza nel nuovo sito dell'archivio completo dei poster e cataloghi storici delle esposizioni Memphis-Milano, dal 1981 al 1988, disponibile per la prima volta in rete attraverso le scansioni di materiali originali. Consultabili anche i cataloghi Meta Memphis, le pubblicazioni edite dalla metà degli anni Novanta da Post Design, un'ampia rassegna stampa e una sezione storica, che ricostruisce il profilo dell'azienda Memphis e dei suoi marchi.