Il nuovo Gucci Hub di via Mecenate 79, a Milano
Il nuovo quartier generale della maison sorge in un'ex fabbrica aeronautica
News

Il nuovo Gucci Hub firmato Piuarch

Dopo tre anni di ristrutturazione ha inaugurato a Milano - al 79 di via Mecenate - Gucci Hub, il nuovo quartier generale della casa di moda fiorentina.

La struttura nasce dalle ceneri dell’ex fabbrica aeronautica Caproni, dove dal 1915 al 1950 venivano costruiti biplani e triplani, che spiccavano i loro voli di prova e collaudo sull’adiacente campo di volo di Taliedo.

Gucci Hub si estende su una superficie di 35mila metri quadrati e accoglie insieme per la prima volta tutti gli uffici meneghini del marchio, gli showroom, lo spazio destinato alle sfilate, le attività grafiche e lo studio fotografico, all’interno di una location che ospita oltre 250 persone.

A firmare il progetto è stato lo studio milanese Piuarch, che nel 2013 ha accettato l’incarico di recuperare il patrimonio architettonico preesistente definendo un impianto volumetrico e concettuale capace di accogliere le esigenze di un moderno headquarter.

Gucci Hub si configura come un progetto sostenibile: al suo interno è presente un bosco, una piazza alberata, giardini diffusi, patii e pareti verdi, con tanto di certificazione Leed Gold.

Il cuore del complesso è costituito una torre di sei piani costruita ex-novo, con le pareti in vetro, che insiste su una superficie di oltre 3mila metri quadri. Il volume e la forma della torre, con i suoi componenti neri e di metallo, producono un forte contrasto con le pareti di mattoni rossi degli edifici storici. A questi si affianca il parcheggio sotterraneo, che può contenere 300 auto.

Ad ispirare gli interni di Gucci Hub è stata la visione e l’estetica del Direttore Creativo, Alessandro Michele. Le singole aree sono state arredate con pezzi perlopiù unici, valutando la configurazione degli spazi: poltrone da teatro, vecchi piani di lavoro da bar, schermi vintage, poltrone e tavolini.

Places
Cinque ristoranti stellati da non perdere
News
Anversa, la nuova Port House disegnata da Zaha Hadid
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto