La camera d'hotel itinerante vista dall'esterno - Credits: Media Living
Gli interni della camera prevedono una parete retroilluminata con intensità regolabile - Credits: Media Living
La zona giorno - Credits: Media Living
La zona notte misura 14 mq ed è dotata diTV, wi-fi, audio e condizionamento - Credits: Media Living
Il bagno della camera misura 3 mq ed è dotato di arredi su misura - Credits: Media Living
News

Una camera d’hotel itinerante

Living unit, living unique. Questa la formula che riassume il concept di Media Living: una camera d’hotel itinerante nel cuore della città per vivere un’esperienza originale, ma anche un nuovo strumento di comunicazione di forte impatto visivo.

A Milano, per la precisione in Largo La Foppa, fino al prossimo 30 giugno, il modulo denominato "living unit 0.1" sarà visitabile e accessibile, per spostarsi successivamente in Piazzale Luigi Cadorna, fino al 31 luglio.

E a partire da settembre, le camere d’hotel itineranti di Media Living saranno prenotabili sia a Milano che a Roma, direttamente dal sito ufficiale oppure tramite un’applicazione per smartphone pensata per geolocalizzare le postazioni disponibili più vicine. Il 10% dei proventi, per ogni singola stanza, sarà devoluto in beneficenza a sostegno di Famiglie Sma Onlus, associazione no profit fondata nel 2000 da un gruppo di genitori di bambini affetti da atrofia muscolare spinale.

Il progetto nasce da un’idea di tre nomi di punta nell’ambito della comunicazione: Ahmed Abd El Hafez, Lorenzo Brentini e Andrea Spaghi, che per la progettazione si sono affidati allo studio di architettura Metodo Archinteriors fondato da Martina Menegon, interior designer, e Claudia Ferrario, architetto, insieme all’ingegner Massimo Truzzi.

Le camere itineranti si avvalgono delle tecnologie più avanzate. All’esterno sono presenti video ledwall disposti sulle pareti dei moduli itineranti per creare un punto di contatto con la realtà urbana.

Gli interni, studiati per due persone, prevedono una zona notte di 14 metri quadri equipaggiata con TV, wi-fi, audio e condizionamento. Tutto quanto gestibile via smartphone e tablet. Un bagno di 3 metri quadri con arredi su misura e una parete nella zona giorno retroilluminata con intensità regolabile, progettata per concedere diversi scenari a seconda del mood. Insomma, una vera e propria unità abitativa domotizzata.

Ma c’è dell’altro. Sempre a settembre, Media Living porterà le sue stanze itineranti in esposizione attraverso le principali capitali europee, da Londra a Parigi, passando per Berlino e Barcellona.

Storytelling
Raw Edges: la coppia del design sperimentale
Places
Una notte nell’appartamento temporaneo sulla Torre Eiffel
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”