Credits: Hansgrohe, soffione Raindance Rainmaker Air: con aggiunta di aria al getto d’acqua.
Credits: Grandform, con Emotion Project oltre alla doccia tradizionale sono comprese aromaterapia e cromoterapia.
Credits: Grohe, il soffione doccia a incasso Rainshower ha il getto pioggia e due getti waterfall.
Credits: Rexa Design, la collezione Argo si caratterizza per l’elemento compositivo a “L” che si ripete in ogni modulo proposto.
Credits: Glass 1989, modello Ananda in ceramica con finitura ossido matt e illuminazione a led per cromoterapia.
Credits: Duravit, uno dei modelli di doccia disegnati da Philippe Starck.
Credits: Dornbracht, la doccia Sensory Sky si ispira alle scenografie dei fenomeni metereologici naturali.
Credits: Dornbracht, la doccia Sensory Sky si ispira alle scenografie dei fenomeni metereologici naturali.
Credits: Dornbracht, la doccia Sensory Sky si ispira alle scenografie dei fenomeni metereologici naturali.
Credits: Dornbracht, la doccia Sensory Sky si ispira alle scenografie dei fenomeni metereologici naturali.
Credits: Cristina System, l’intera gamma di set da incasso.
Credits: Cristina, Dynamo Rainbow è il soffione con illuminazione a led autoalimentato.
Credits: Cristina, Dynamo Rainbow è il soffione con illuminazione a led autoalimentato.
Credits: Aquaelite, la collezione Rock propone infinite combinazioni di getti e illuminazione a led.
News

I benefici di 10 docce come cascate

Laura Barsottini

Mio nonno e mio padre hanno sempre sostenuto di aver avuto le migliori idee sotto la doccia….

Sono le parole di Richard Grohe, vicepresidente dell'azienda tedesca Hansgrohe.
Ed è proprio su questo tema che Hansgrohe ha dato l'incarico all'istituto di ricerca londinese ICM Research di condurre uno studio scientifico, coinvolgendo lo psicologo americano Scott Barry Kaufman specializzato nell'analisi dei processi creativi. L'indagine è stata svolta su un campione di 4.000 persone in 8 diversi mercati confermando che doccia e idee sono spesso collegate. Naturalmente sono dati importanti il tipo di caduta dell'acqua, la sua temperatura e la piacevolezza del getto.
Se vi sentite a corto di idee creative, quindi, forse basta solo sostituire il soffione della vostra doccia e se ciò di cui avete bisogno è "l'idea del secolo": regalatevi un soffione esagerato!
C’è, per esempio, Dynamo Rainbow di Cristina, che sfrutta l'energia dell'acqua per generare un arcobaleno di colori, o Sensor Sky di Dornbracht, che consente diverse scenografie ispirate ai fenomeni metereologici naturali (luci e profumi inclusi), o ancora il soffione di Hansgrohe, Raimaker, e quello di Grohe, Rainshower, che già dai nomi dichiarano i loro "intenti". E molti altri ancora.

News
9 oggetti di design per sciare tra performance, sicurezza e stile
News
Sette calendari di design per il 2015
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto