Duplice ritratto di Ico Parisi, Cernobbio, 1953 - Credits: Archivio del Design di Ico Parisi, Como
Tavolo in palissandro con piano in cristallo, 1948. Esecuzione: ArteCasa, Cantù per La Ruota - Credits: Archivio del Design di Ico Parisi, Como
Tavolo rotondo con struttura in ferro laccato nero e piano in noce nazionale, 1954. Esecuzione ditta Vittorio Bega, Bologna - Credits: Archivio del Design di Ico Parisi, Como
Tavolo con struttura in ferro laccato nero e piano in cristallo, 1955. Esecuzione: Brugnoli Mobili, Cantù - Credits: Archivio del Design di Ico Parisi, Como
Tavolo ovale in mogano, esecuzione ArteCasa, Cantù, 1948 - Credits: Archivio del Design di Ico Parisi, Como
Consolle in palissandro e ottone, esecuzione Fratelli Rizzi, Intimiano, 1947 - Credits: Archivio del Design di Ico Parisi, Como
Carrello in mogano, realizzazione Angelo De Baggis, 1952 - Credits: Archivio del Design di Ico Parisi, Como
News

Ritrovare Ico Parisi

Ritrovare Ico Parisi è il titolo della mostra presentata da Triennale Design Museum in occasione dei centenario della nascita di Ico Parisi, un autore poco conosciuto, schivo, ma storicamente rilevante che vale la pena approfondire.

Siciliano di origini e comasco d'adozione, nel corso della sua attività si è calato in una dimensione pluridisciplinare: è stato architetto, designer, art director, fotografo, regista cinematografico, pittore e artista puro.

La retrospettiva, curata da Roberta Lietti e Marco Romanelli, con progetto di allestimento di Marco Romanelli con Giorgio Bonaguro, si pone come una prima riflessione e un primo omaggio al lavoro di Ico Parisi, di cui prende in esame un periodo cronologico circoscritto, dalla fine della guerra al termine degli anni Cinquanta, e un’unica tipologia, il tavolo. Per la precisione sette progetti concepiti dal 1948 al 1955.

L’allestimento è organizzato in “stazioni” contraddistinte mediante gabbie in tubolare quadro bianco, a ricordare l’innamoramento dell’autore per l’avventura del razionalismo e dell’astrattismo comasco, cerca di restituire non solo l’importanza del singolo pezzo, ma anche un frammento di quel contorno progettualmente curato e controllato che Ico e la moglie Luisa Parisi sapevano sapientemente costruire.

La mostra è realizzata in collaborazione con l’Archivio del Design di Ico Parisi e sarà visibile presso la Villa Reale di Monza dal 15 gennaio al 7 maggio.

Products
Sei toni di verde
News
Il festival della grafica a Parigi
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Essere e tempo

Essere e tempo

Trasparenze evanescenti, sfumature naturali e pensieri fluttuanti scanditi da orologi e accessori importanti. Sono attimi sospesi per giocare con i dettagli preziosi del momento
I quadri di Marc Chagall a Mantova

I quadri di Marc Chagall a Mantova

In concomitanza con il Festivaletteratura, dal 5 settembre, Palazzo della Ragione ospita oltre 130 opere tra cui il ciclo completo dei 7 teleri dipinti da Chagall nel 1920
Una notte al Joshua Tree, in California

Una notte al Joshua Tree, in California

Un’oasi di pace dove godere di uno scenario mozzafiato nel bel mezzo del deserto, tra rocce scolpite e cieli stellati. Ecco Folly dello studio Cohesion
Itinerari enoartistici: Art of the Treasure Hunt

Itinerari enoartistici: Art of the Treasure Hunt

Nel Chianti, sei cantine vinicole ospitano dipinti, sculture e installazioni site-specific. Un percorso suggestivo alla scoperta delle eccellenze della regione e dei nuovi interpreti dell'arte
Sulla torre di Gio Ponti

Sulla torre di Gio Ponti

Sobrio, elegante. Innovativo, ma in armonia con il contesto. A Milano, il primo grattacielo italiano ha un’anima swing e segna l’ultima collaborazione tra Lancia e Ponti