La cover del nuovo numero di Icon Design, scattata da Mattia Balsamini
La casa di Massimo Giorgetti - Credits: Foto: Claudia Zalla
A Torino, l'abitazione di Hyemin Ro e Davide Barreri - Credits: Foto: Mattia Balsamini
Gli interni della casa fiorentina di Allegra e Gherardo Biagioni. - Credits: Foto: Luigi Fiano
Un'immagine del servizio "Cinema Set" - Credits: Foto: Jonas Marguet - Concept and Art Design: Cameranesi & Pompili
Una foto scattata a L'Aquila da Stefano Ferroni
News

Icon Design di gennaio e febbraio è in edicola

Dopo gli ultimi mesi a zonzo per il mondo, Icon Design torna con un nuovo numero - questa volta doppio - tutto dedicato alla nostra Italia.

Da nord a sud, siamo andati alla ricerca di case e storie da raccontare: a Milano abbiamo fatto una bella chiacchierata con il sindaco Beppe Sala – che dice: “Non dimentico di essere me stesso. Io sono Beppe, sono una persona accessibile” - per poi spostarci in tutta la penisola. A Firenze siamo entrati nell'abitazione dei collezionisti Allegra e Gherardo Biagioni, mentre a Torino l’art director Hyemin Ro e l’architetto Davide Barreri ci hanno raccontato come hanno dato forma alla loro casa spigliata e colorata (protagonista della cover scattata da Mattia Balsamini). A Parma siamo entrati invece a Villa Corini, disegnata da Franco Albini e Franca Helg negli anni 60, mentre a Palermo siamo andati alla scoperta di alcuni sorprendenti spazi modernisti progettati nel XX secolo.

Ci siamo poi spostati a L'Aquila per capire come si sta muovendo la città a dieci anni dal terremoto: l'abbiamo trovata piena di energia e di novità, con tanti progetti che stanno tratteggiando il suo futuro. Tornati a Milano, Massimo Giorgetti, direttore creativo di MSGM, ci ha spiegato come si è innamorato della sua casa, all'interno di un edificio brutalista.

Come sempre, poi, grande spazio al design e alle sue eccellenze: in un'intervista, Antonio Citterio ci racconta la sua nuova collezione per Maxalto, mentre Massimo Orsini, fondatore di Mutina, ci ha spiegato la sua visione imprenditoriale. Nei due servizi Cinema Set e In movimento abbiamo immerso arredi e tessuti in ambientazioni immaginarie, che fanno volare la fantasia.

Il nostro viaggio in Italia si chiude con un'immagine di Federico Villa: un rifugio fatto di rami e foglie che evoca il concetto di spostarsi, migrare e muoversi liberamente. Anche questo un simbolo di italianità.

Vi aspettiamo in edicola!