A sinistra, il designer tedesco Stefan Diez; a destra, il designer e architetto italiano Carlo Colombo
News

Icon Design di giugno

Martedì 6 giugno torniamo in edicola con un nuovo numero fresco di stampa. Questo mese abbiamo due storie di copertina: una dedicata a Carlo Colombo, tra i più dinamici designer e architetti italiani nel mondo, e l’altra a Stefan Diez, designer tedesco di base a Monaco di Baviera.

Il Culture Club di giugno è ricco di novità e appuntamenti da segnare in agenda, come la mostra presso la Fondazione Luma dedicata all’archivio della leggendaria fotografa statunitense Annie Leibovitz. Da scoprire anche le novità di Innovation Design District, a partire dalla prima edizione di Milano Photo Week, una settimana (5-11 giugno) interamente dedicata alla fotografia con 150 appuntamenti tra mostre, talk, progetti editoriali, incontri, visite guidate e laboratori. Subito dopo, dal 12 al 18 giugno, sarà la volta di Arch Week: sette giorni di eventi promossa da Comune di Milano, Politecnico e Triennale, sotto la direzione creativa di Stefano Boeri.

Tante le incursioni: vi portiamo a Tenerife alla scoperta di un edificio anni Settanta oggi trasformato in un’eclettica oasi contemporanea, è il rifugio dell’architetto belga Susan Theunissen e di suo marito Leo Coolen. Nel decimo arrondissement di Parigi, in un elegante palazzo del Secondo Impero, scopriamo uno spazioso appartamento di 100 metri quadrati opera dell’architetto peruviano Diego Delgado-Elias, che ci racconta: «Al centro del nostro processo creativo c’è lo scambio continuo di idee con tutti i professionisti con cui collaboro per realizzare i miei progetti; a partire dagli artigiani, selezionati con cura, che possono darmi suggerimenti per ri nire al meglio la casa. Niente viene mai lasciato al caso». Sempre in Francia, Marco Morello ci porta alla scoperta dell’Osservatorio di Calern, appendice rialzata del sito principale in Costa Azzura firmato da Antti Lovag. E in Brasile vi raccontiamo la prima architettura privata progettata da Fernando e Humberto Campana, si ispira alle case indigene Ocas: costruzioni di grandi dimensioni realizzate in legno, bambù, paglia e foglie di palma.

Nel nuovo Icon Design troverete un focus dedicato alla cucina, sempre più personalizzabile tra materiali innovativi, ma anche finiture tradizionali, accessori e colori realizzati in numerose gamme. E ancora: il racconto della compagnia di marionette più famosa e richiesta del mondo, Carlo Colla & Figli, e un'intervista ad Andrew Bolton, il nuovo responsabile del Costume Institute del Metropolitan di New York, che ci spiega il suo senso della moda: «Essenziale è sedurre visivamente il visitatore. Solo quando 
è sedotto, potrà leggere i significati dietro un oggetto». Naturalmente non mancano le buone letture consigliate da buoni lettori, che come ogni mese troverete nel Book Club. Ci vediamo in edicola.

Products
Besana Moquette: sense and sensibility
Products
Kodachrome, il nuovo magazine di Kodak per amanti della pellicola
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi