In copertina, il designer giapponese Oki Sato ritratto insieme al suo cane Kinako
News

Icon Design di ottobre

Marted 4 ottobre torniamo in edicola con il nuovo numero, il nono, di Icon Design.

Da leggere e da guardare, il numero di ottobre è ricco di novità e storie che siamo entusiasti di raccontarvi. La cover story è dedicata a Oki Sato, fondatore di Nendo, studio d’architettura e design di Tokyo che in quattordici anni ha conquistato il mondo. Lo abbiamo incontrato prima della pausa estiva nel suo ufficio in zona Moscova, durante uno dei suoi soggiorni in Italia. Ci ha parlato della sua idea di progetto e delle sue (bizzarre) ossessioni.

Luca Nichetto, designer veneziano di stanza a Stoccolma, ci racconta il suo modus operandi e i suoi studi, uno a Venezia e uno Stoccolma, con oltre 400 prodotti disegnati. Ma anche di interior e di nuove sfide. 

Daniele Mingardo, artigiano, ci accoglie nella sua officina dove si realizza la saldatura utilizzando impianti di bombole a ossigeno e acetilene: qui parliamo della sua passione per la manualità e per la cura dei dettagli. Mentre Antonio Colombo e Alessandra Cusatelli ci conducono alla scoperta della loro abitazione, una casa che sembra una galleria, popolata di
 opere d’arte e di design.

A pochi giorni dall’inaugurazione del museo MAAT di Lisbona firmato da Amanda Levete, incontriamo l’architetto portoghese Pedro Gadanho, che da Curator of Contemporary Architectureal MoMA di New York, torna nella sua città in veste di Direttore.

Vi portiamo a Vietri sul Mare in uno dei templi sacri della ceramica artistica d’Italia, un progetto di ricerca del COdesignLab, guidato da Paolo Cascone. In questo luogo incredibile si fabbrica il futuro, tecnologico e sostenibile, dei materiali per l’architettura. Poi ci spostiamo a Prato, dove l’architetto Matilde Cassani, con l’installazione Manufacturing Assemblages in Prato, ha raccontato come le celebrazioni del Capodanno cinese diventino una spettacolare occasione di integrazione tra la comunità proveniente da Wenzhou e i locali. A Milano, invece, vi portiamo alla scoperta di Ca’ Brutta è uno degli edifici più affascinanti di Milano: tra le mura racchiude passato e futuro della città.

Non mancano i consueti consigli di lettura e le ultime novità, i prodotti, le curiosità e gli eventi dal mondo dell’arte, dell’architettura e del progetto.

Vi aspettiamo in edicola.

News
La quarta edizione di Milano Design Film Festival
Products
AERO: la nuova penna di Pininfarina
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi