A sinistra, Paola Antonelli, Senior Curator del dipartimento di architettura e design del MoMA e direttore del dipartimento di Research & Development del museo newyorkese - Credits: Ph. Jason Schmidt / Ph. Martien Mulder
News

Icon Design di settembre

Martedì 5 settembre torniamo in edicola dopo il break estivo con un nuovo numero di Icon Design. Un numero che affronta la progettualità a 360 gradi, a partire dalla copertina: i protagonisti sono Paola Antonelli, Senior Curator del dipartimento di architettura e design del MoMA e direttore del dipartimento di Research & Development del museo newyorkese, e Rick Rubin, il produttore più famoso d’America.

Nel Culture Club troverete una selezione di novità e appuntamenti dal mondo del design da non perdere. A questi si aggiungono le buone letture consigliate da buoni lettori, come consuetudine raccolte nel Book Club a cura di Anna Paola Buonanno. Troverete inoltre qualche anticipazione da FuoriCinema, in programma  dal 14 al 17 settembre nel cuore di City Life: una festa aperta a tutti che celebra le emozioni
 del grande schermo con proiezioni sotto le stelle, la partecipazione di attori, registi, esperti, e la media partnership di Icon e Icon Design. E poi uno speciale interamente dedicato all’ambiente bagno, tra materiali ricercati e personalizzabili, in bilico tra presente e futuro.

Tra i contenuti di questo numero, a Eindhoven lo studio visit con Christoph Brach e Daniera ter Haar, fondatori dello studio Raw Color e docenti presso la Design Academy. Per loro il colore è un «Medium per mettere in risalto qualità e aspetti della materia». Angela Rui incontra Lucy McRae, body architect e Sci-Fi artist concentrata sul dibattito scientifico attorno a temi come la salute, la medicina e le tecnologie emergenti.

A Milano vi portiamo alla scoperta di Ca’ Granda, voluta da Francesco Sforza nel 1456 e costruita dall’architetto fiorentino Filarete per dare assistenza ai malati della città. Ci spostiamo poi in Sicilia, circa un’ora dall’aeroporto di Palermo o da quello di Trapani, dove Micol De Pas ci conduce tra le strade di Gibellina, la più giovane delle città d’arte rimasta parzialmente incompiuta. In Liguria, 20 chilometri da Genova in direzione ovest, ci addentriamo nella Pineta di Arenzano, villaggio progettato negli anni Cinquanta da maestri italiani come Gio Ponti, Ignazio Gardella, Vico Magistretti e Luigi Caccia Dominioni.

A Muuratsalo, isola del lago di Päijänne, in Finlandia, un’incurisione nella casa Casa Sperimentale di Alvar Aalto, tra betulle e mughetti selvatici. Mentre a bordo di Eilean incontriamo Angelo Bonati, Ceo di Officine Panerai: ci racconta come i suoi grandi amori, il lavoro e il mare, si sono congiunti dando vita alla celebre regata riservata alle vele d’epoca, la Panerai Classic Yachts Challenge.

Ci vediamo in edicola!

Products
Back to work: 10 scrivanie regolabili per lavorare in piedi e seduti
News
Settembre: 5 mostre fotografiche da non perdere
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi