Ingo Maurer - Credits: Foto: Robert Fisher
News

Addio Ingo Maurer: il nostro saluto

Si è spento lunedì 21 ottobre, all'età di 87 anni, il designer tedesco Ingo Maurer. Lui, che rivoluzionò l'illuminazione con una risata, diede vita a lampade che davano forma a una fantasia senza confini. Come nel caso di Porca Miseria!, che sembrava mimare un'esplosione in slow motion, oppure di Zettel'z, composta da fogli di carta personalizzabili dove scrivere frasi e messaggi in libertà. O ancora: Campari Light, formata da bottiglie di Campari. La sua ribellione al conformismo era gentile, col sorriso, ma pur sempre inarrestabile.

Per queste e altre opere, fu definito il poeta della luce. Eppure, Ingo Maurer non amava considerarsi tale. «Essere originali non è così difficile se ascolti la tua voce interiore. E la luce migliore, dico sempre, viene direttamente dal cuore», ci raccontava nell'intervista uscita sul numero di ottobre di Icon Design.

Di formazione tipografo, lavorò per alcuni anni negli Stati Uniti per poi tornare nella sua amata Baviera e rifugiarsi di tanto in tanto in Italia. Le sue opere sono state esposte nei musei più importanti del mondo, dal Vitra Design Museum fino al MoMA di New York (dove Porca Miseria! è parte della collezione permanente insieme a Bulb, una delle sue prime creazioni), passando per lo Stedelijk Museum di Amsterdam. Nel 2011 ha ricevuto il Compasso d'Oro.

Tra tutto, amava trasformare gli oggetti brutti in bellezza. Ma più di ogni altra cosa: «adoro far sorridere e divertire la gente», ci diceva. Addio, dunque, al designer del sorriso Ingo Maurer.