Appartamento in via Jommelli, 1969 - Credits: Università Iuav di Venezia - Archivio Progetti, fondo Giorgio Casali - Ph. Giorgio Casali
Appartamento Magistretti in via Bellini, 1953 - Credits: Università Iuav di Venezia - Archivio Progetti, fondo Giorgio Casali - Ph. Giorgio Casali
Appartamento Magistretti in via Bellini, 1953 - Credits: Archivio Studio Magistretti - Fondazione Vico Magistretti
Quartiere Milano San Felice, con Luigi Caccia Dominioni, 1966/69 - Credits: Archivio Studio Magistretti - Fondazione Vico Magistretti
Appartamento in via Jommelli, 1969 - Credits: Archivio Studio Magistretti - Fondazione Vico Magistretti
Appartamento in via Verri, 1953/54 - Credits: Archivio Studio Magistretti - Fondazione Vico Magistretti
News

Interni milanesi, parte seconda

La mostra Interni milanesi – Architetture di Vico Magistretti torna nuovamente a raccontare la progettazione di ambienti domestici secondo Vico Magistretti.

La rassegna, curata da Vanni Pasca con Manuela Leoni, rinnova l’appuntamento dopo un primo capitolo dedicato ai progetti Gavazzi in via Goito, Cerruti in piazzetta Bossi e l’appartamento in via Gesù dove Vico Magistretti ha vissuto dal 1985 al 2006 e agli interni dell’edificio di Corso di Porta Romana.

Focus della seconda tappa, in programma da giovedì 16 giugno, sarà il tema della residenza in città attraverso il racconto di quattro nuovi progetti.

Tre di questi consolidano la visione progettuale dell’architetto milanese già emersa nel primo allestimento. Gli appartamenti in via Verri (1953-1954) e in via Jommelli (1969) e la casa in via Bellini (1953), abitata dallo stesso Magistretti e ricavata in un edificio progettato dal padre Pier Giulio, riflettono la volontà di adesione della borghesia urbana alla modernità, attraverso soluzioni architettoniche originali e complesse.

II quarto progetto, il quartiere periferico di San Felice costruito a Segrate insieme a Luigi Caccia Dominioni tra il 1967 e il 1975, testimonia invece il tentativo di migrare gli stessi valori progettuali nel contesto dell’abitazione in serie.

Places
Le sette montagne magiche di Ugo Rondinone
Products
Tavolini da giardino: 10 modelli per arredare l'outdoor
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento