Appartamento in via Jommelli, 1969 - Credits: Università Iuav di Venezia - Archivio Progetti, fondo Giorgio Casali - Ph. Giorgio Casali
Appartamento Magistretti in via Bellini, 1953 - Credits: Università Iuav di Venezia - Archivio Progetti, fondo Giorgio Casali - Ph. Giorgio Casali
Appartamento Magistretti in via Bellini, 1953 - Credits: Archivio Studio Magistretti - Fondazione Vico Magistretti
Quartiere Milano San Felice, con Luigi Caccia Dominioni, 1966/69 - Credits: Archivio Studio Magistretti - Fondazione Vico Magistretti
Appartamento in via Jommelli, 1969 - Credits: Archivio Studio Magistretti - Fondazione Vico Magistretti
Appartamento in via Verri, 1953/54 - Credits: Archivio Studio Magistretti - Fondazione Vico Magistretti
News

Interni milanesi, parte seconda

La mostra Interni milanesi – Architetture di Vico Magistretti torna nuovamente a raccontare la progettazione di ambienti domestici secondo Vico Magistretti.

La rassegna, curata da Vanni Pasca con Manuela Leoni, rinnova l’appuntamento dopo un primo capitolo dedicato ai progetti Gavazzi in via Goito, Cerruti in piazzetta Bossi e l’appartamento in via Gesù dove Vico Magistretti ha vissuto dal 1985 al 2006 e agli interni dell’edificio di Corso di Porta Romana.

Focus della seconda tappa, in programma da giovedì 16 giugno, sarà il tema della residenza in città attraverso il racconto di quattro nuovi progetti.

Tre di questi consolidano la visione progettuale dell’architetto milanese già emersa nel primo allestimento. Gli appartamenti in via Verri (1953-1954) e in via Jommelli (1969) e la casa in via Bellini (1953), abitata dallo stesso Magistretti e ricavata in un edificio progettato dal padre Pier Giulio, riflettono la volontà di adesione della borghesia urbana alla modernità, attraverso soluzioni architettoniche originali e complesse.

II quarto progetto, il quartiere periferico di San Felice costruito a Segrate insieme a Luigi Caccia Dominioni tra il 1967 e il 1975, testimonia invece il tentativo di migrare gli stessi valori progettuali nel contesto dell’abitazione in serie.

Places
Le sette montagne magiche di Ugo Rondinone
Products
Tavolini da giardino: 10 modelli per arredare l'outdoor
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi