Sacha Masour, Tournage du Sang d’un poète : Jean Cocteau tenant un masque, mai-juin 1930 - Credits: Courtsy of Collection Ioannis Kontaxopoulos & Alexander Prokopchuk.
News

Se l’amore (trino) è arte: Jean Cocteau a Villa Noailles

Lei aveva soltanto 16 anni quando si conobbero, lui 28. Correva l'anno 1917, e Marie-Laure Bischoffsheim era un'ereditiera cresciuta tra gli agi e gli sfarzi dell'aristocrazia francese. Jean Cocteau era invece un poeta già apprezzato e viveva una vita libera e ribelle a Parigi, insieme agli amici Pablo Picasso e Amedeo Modigliani.

La loro fu una passione intensa e fuori dagli schemi, che ispirò Cocteau a scrivere il saggio Il gallo e l'Arlecchino (1918), e che aprì a Marie-Laure le porte dell'arte e del mecenatismo. Fu infatti solo pochi anni dopo che incontrò il suo futuro marito: Charles, Visconte di Noailles. Si sposarono nel 1923, diventando una delle coppie di mecenati più influenti del XX secolo. Solo nel 1930 però, i due decisero di supportare un progetto di Jean Cocteau: il film Il sangue di un poeta. Ne nacque un'amicizia profonda basata sulla stima reciproca, che si mantenne viva per ben 50 anni.

Oggi, a cento anni da quel primo incontro, la Villa Noailles di Hyères, residenza provenzale costruita da Robert Mallet-Stevens per i due mecenati, ospita una mostra che ripercorre quel magico rapporto a tre attraverso gli schizzi, i manoscritti, le fotografie e le opere realizzate dall'artista e poeta.

Il progetto di allestimento è curato da Valentina Cameranesi Sgroi ed Enrico Pompili. In esposizione ci sono anche i quaderni in cui Cocteau scrisse il secondo romanzo Tommaso e l'Impostore, e altri documenti rimasti fino ad ora inediti. Ma non solo: perché saranno proprio le stesse lettere dei tre protagonisti a venir messe in luce. Una testimonianza del loro grande affetto, ma anche uno sguardo sul fervente panorama artistico della prima metà del Novecento. Un appuntamento non perdere se si passa dalla cittadina di Hyères per il Festival Internazionale di Moda e Fotografia, in partenza il 1° maggio.

Jean Cocteau, Thomas l’imposteur, histoire 1922
Cartolina autografata
Jean Cocteau e Marie-Laure de Noailles, Villars-sur-Ollon, Svizzera, 1934
Exhibition view - Credits: © lothaire hucki
Exhibition view - Credits: © lothaire hucki
Exhibition view - Credits: © lothaire hucki
Exhibition view - Credits: © lothaire hucki
Exhibition view - Credits: © lothaire hucki
Products
L'architettura brutalista di Sydney
News
Bijoy Jain ospite da ASSAB ONE
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto