• Fictional Island, installazione di Fictional Collective, collettivo di 27 designer di discipline e provenienze differenti
Vista aerea di Hansen House, sede principale della JDW - Credits: Ph. Yonatan Strier
Oreflector Park, un’immagine all’interno del Lithuanian Design Forum, mostra sul design contemporaneo lituano - Credits: Ph. Electromagnetico
• Istallazione interattiva di Muslin Brothers, collettivo di fashion designer di Tel Aviv
Vista aerea del Museum of Islamic Art, location della JDW - Credits: Ph. Yonatan Strier
• Product Design Island, mostra curata da Itay Ohaly, esplora la nozione di isola solitaria
Local History Programme, la mostra degli studenti sulla storia locale, celebra il curatore Izika Gaon (1938-1997). Progetto di Studio Magenta e Ronen Bably - Credits: Ph. Lee Zakai
• Un’immagine del progetto di ricerca sul settore dei tappeti israeliani del collettivo WeMakeCarpets
News

A Gerusalemme, film e design come ponti tra culture

Milano Design Film Festival

Islands (Isole) è il titolo della sesta Jerusalem Design Week (8-15 giugno 2017) che vuole porsi come un ponte tra confini sociali, politici e culturali. L’iniziativa è promossa da Hansen House - il Centro per il design, media e tecnologia di Gerusalemme e sede della Bezalel Academy of Arts and Design. Cinquanta i designer invitati, israeliani e internazionali, che presentano lavori inediti, installazioni e progetti all’interno della Hansen House, del Museo di storia naturale e di location nell’eclettico quartiere di Talbiya.

Nel programma anche una rassegna cinematografica curata da Milano Design Film Festival, accompagnata da talk e workshop a tema. Tra gli ospiti, il regista Tomas Koolhaas in collegamento via web da Los Angeles (10 Giugno). I film selezionati sono: London Afloat di Gloria Aura Bortolini (UK 2015, 29’); Amare Gio Ponti di Francesca Molteni (Italia 2015, 35’); Rem di Tomas Koolhaas (USA 2016, 75’); Design Disruptors. The Future is Designed di InVision (USA 2016, 70’); Brooklyn Farmer di Michael Tyburski (USA 2013, 26’). Cinque pellicole molto diverse – dal biopic, al documentario a sfondo sociale, al racconto su imprese design driven – unite dal fil rouge del design come strategia per risolvere problematiche produttive e sociali in maniera sistematica. L’iniziativa vuole essere uno scambio culturale con Israele che, in contraccambio, avrà un momento dedicato durante la quinta edizione di MDFF (19-22 ottobre 2017), con una scelta di documentari di registi locali e su personaggi israeliani.

«Il nostro obiettivo è quello di creare una piattaforma multicanale per i progettisti di tutte le discipline», spiega Anat Safran, direttore artistico della Jerusalem Design Week. «La complessità del luogo in cui viviamo e lavoriamo, combinata a un’energia creativa effervescente, è terreno fertile per una straordinaria esperienza di design, inteso nella sua capacità di trascendere i confini internazionali ed evocare il dialogo tra le menti più diverse e creative». In mostra “isole” a tema sul product design, la moda e la comunicazione e progetti di scambio tra progettisti di ambiti differenti. Tra questi, l’israeliano Rami Tareef con l’italo-olandese Maurizio Montalti; l’interaction designer israeliano Matan Stauber con gli illustratori Yaniv Torem (Israele) e Bee Grandinetti (Brasile); il curatore e designer locale Erez Nevi Pana con il grafico e progettista francese Marlene Huissoud. In mostra anche i lavori degli studenti delle principali scuole di design e arti applicate d’Israele. Il collettivo olandese WeMakeCarpets presenta gli esiti di due mesi di studio integrato sulla cultura, la tecnica e il commercio del tappeto locale. Un dialogo sui valori materiali e immateriali di un oggetto paradigmatico.

News
Milano Photo Week: 5 mostre d'autore a cura di Icon e Icon Design
Places
Tritalo, a Palermo l'hamburger è gourmet
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La ceramica che scommette sull’innovazione

La ceramica che scommette sull’innovazione

Nel cuore del distretto di Sassuolo, Marazzi Group inaugura uno stabilimento ad alta automazione. Dove l’ingegno visionario dei designer si trasforma in realtà
Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Un progetto suggestivo a tema natalizio, che prende forma attraverso una duplice scenografia luminosa visibile fino al prossimo 6 gennaio
L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

Un’opera site-specific che prende forma sulla copertura de L’Illa Diagonal, edificio progettato da Rafael Moneo e Manuel de Solà-Morales
La casa-museo di Tony Salamé

La casa-museo di Tony Salamé

A Beirut, ospiti dell’imprenditore nel retail di lusso e creatore della Aïshti Foundation, Tony Salamé. Che ha fatto della ricerca della bellezza una ragione di vita. E del collezionismo d’arte contemporanea una missione
I 240 anni del Teatro alla Scala

I 240 anni del Teatro alla Scala

Una mostra per ripercorrere l’evoluzione del Teatro e della città di Milano, dal XVIII ad oggi. Con il progetto di Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto