Credits: Courtesy of Kunsthalle
News

Konstantin Grcic, 25 anni di design tedesco

Alessandro Mitola

Il designer tedesco Konstantin Grcic celebra quest’anno i suoi 25 anni di attività. E lo fa con una rassegna ospitata presso la Kunsthalle di Bielefeld, intitolata Konstantin Grcic. Abbildungen.

Classe 1965, ha collaborato con alcune tra le più importanti aziende di settore, da Magis a Moroso, passando per Flos, Driade, Muji e molte altre.

Konstantin Grcic non ama etichette e definizioni, ma preferisce parlare di qualità. Qualità del design e del processo di pensiero che si porta dietro un progetto.

La mostra ospitata dal centro espositivo si configura attraverso un percorso inedito che esplora i principali progetti realizzati dal designer negli ultimi 25 anni, mettendoli in relazione con una selezione di opere appartenenti alla collezione del museo.

Tutti i progetti, visibili fino al prossimo 3 luglio, sono presentati su una serie di basamenti, elementi tipicamente museali e scultorei, per l’occasione reinterpretati da Grcic in chiave industriale, come fossero opere d’arte.

Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Konstantin Grcic. Abbildungen - Credits: Courtesy of Kunsthalle
Milano Design Week
Carl Hansen & Søn al Salone del Mobile 2016, tra icone e novità
Milano Design Week
Dodo presenta il paradiso dei sogni di Matteo Cibic
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La ceramica che scommette sull’innovazione

La ceramica che scommette sull’innovazione

Nel cuore del distretto di Sassuolo, Marazzi Group inaugura uno stabilimento ad alta automazione. Dove l’ingegno visionario dei designer si trasforma in realtà
Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Un progetto suggestivo a tema natalizio, che prende forma attraverso una duplice scenografia luminosa visibile fino al prossimo 6 gennaio
L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

Un’opera site-specific che prende forma sulla copertura de L’Illa Diagonal, edificio progettato da Rafael Moneo e Manuel de Solà-Morales
La casa-museo di Tony Salamé

La casa-museo di Tony Salamé

A Beirut, ospiti dell’imprenditore nel retail di lusso e creatore della Aïshti Foundation, Tony Salamé. Che ha fatto della ricerca della bellezza una ragione di vita. E del collezionismo d’arte contemporanea una missione
I 240 anni del Teatro alla Scala

I 240 anni del Teatro alla Scala

Una mostra per ripercorrere l’evoluzione del Teatro e della città di Milano, dal XVIII ad oggi. Con il progetto di Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto