Kvadrat, Copenhagen - Credits: Ph. Michel Giesbrecht
Kvadrat, Copenhagen - Credits: Ph. Michel Giesbrecht
Kvadrat, Copenhagen - Credits: Ph. Michel Giesbrecht
Kvadrat, Copenhagen - Credits: Ph. Michel Giesbrecht
Kvadrat, Copenhagen - Credits: Ph. Michel Giesbrecht
Kvadrat, Copenhagen - Credits: Ph. Michel Giesbrecht
Kvadrat, Copenhagen - Credits: Ph. Michel Giesbrecht
Kvadrat, Copenhagen - Credits: Ph. Michel Giesbrecht
Kvadrat, Copenhagen - Credits: Ph. Michel Giesbrecht
Kvadrat, Copenhagen - Credits: Ph. Michel Giesbrecht
Kvadrat, Copenhagen - Credits: Ph. Michel Giesbrecht
News

Kvadrat: materiali in primo piano a Copenhagen

Milano Design Film Festival

L’azienda tessile Kvadrat inaugura un nuovo showroom a Copenhagen su progetto di Ronan ed Erwan Bouroullec, che segna l’ultimo capitolo di una lunga collaborazione. L’allestimento mette in luce il senso di materialità, volume e tattilità dei tessili Kvadrat. Oltre alle pareti in vetro e mattoni, sono stati realizzati rivestimenti e superfici in rovere naturale, un pavimento in cemento e divisori con Really Solid Textile, pannelli in tessuto tridimensionale.

Il tema alla base dell’intervento è “senza colori, solo materiali”: «il concetto che abbiamo sviluppato», spiegano i Bouroullec «è incentrato sulla materialità che è il cuore del marchio Kvadrat. Lo showroom offre una flessibilità totale per creare allestimenti con grandi pezzi di tessuto e tappeti. Ciò fornisce una visione approfondita della trama, del peso, della trasparenza e della qualità di ciascun disegno». Njusja de Gier, vicepresidente branding & comunicazione Kvadrat, aggiunge: «Abbiamo aperto il nostro primo showroom di punta a Copenaghen quasi 8 anni fa. Sempre in Nordhavn, il nuovo spazio è il simbolo del nostro percorso come azienda e della collaborazione a lungo termine con Ronan ed Erwan. Siamo molto fieri del concept dei Bouroullec perché consente di esplorare l’ambiente e la materialità in nuovi modi. Lo showroom rappresenta anche la trasformazione di questa dinamica area di Copenaghen».

Per lo showroom, Ronan e Erwan Bouroullec hanno progettato un sistema di scaffalatura pesante e a sospensione, che si inserisce in un soffitto a binario a griglia appositamente progettato. Realizzato in alluminio anodizzato, il sistema consente a Kvadrat di mettere in mostra grandi pezzi di tessuto e tappeti. Per far risaltare l’innovativo sistema e l’idea di “non colore” sottesa all’allestimento, l’azienda ha realizzato un video che ripercorre le tappe del lavoro, dallo showroom allo stato grezzo al suo completamento, alternando immagini in time lapse a riprese in slow-motion, primi piani degli architetti e degli operai a inquadrature delle macchine in azione. Il video dà rilievo anche alla singolare location che offre, attraverso le grandi finestre che fiancheggiano tre lati dello showroom, una vista panoramica sul porto industriale e verso il centro di Copenaghen.

News
Gli articoli più letti del 2017
Places
Musei: le grandi aperture del 2017
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi