Festa del giorno dei morti. I bambini giocano con le armi - Palermo, 1986 - Credits: Letizia Battaglia
I due Cristi - Palermo, 1982 - Credits: Letizia Battaglia
La bambina con il pallone, quartiere la Cala - Palermo, 1980 - Credits: Letizia Battaglia
La conta. Dopo la Processione dei Misteri gli uomini contano i soldi delle offerte - Trapani, 1992 - Credits: Letizia Battaglia
L'arresto del feroce boss mafioso Leoluca Bagarella - Palermo, 1980 - Credits: Letizia Battaglia
Nella spiaggia della Arenella la festa è finita - Palermo, 1986 - Credits: Letizia Battaglia
Franca Rame alla Palazzina Liberty - Milano,1974 - Credits: Letizia Battaglia
Gae Aulenti - Torino, 2006 - Credits: Letizia Battaglia
Ilona Staller, in arte Cicciolina, nella sua casa di Roma - 1994 - Credits: Letizia Battaglia
Dacia Maraini, nella redazione del Giornale L’Ora - Credits: Letizia Battaglia
Pasolini al Pier Paolo Pasolini al circolo Turati, 1972 - Credits: Letizia Battaglia
Josef Koudelka, amatissimo fotografo, Palermo - Credits: Letizia Battaglia
Renato Guttuso nel suo studio Palermo, 1985 - Credits: Letizia Battaglia
Via Pindemonte, Ospedale Psichiatrico - Palermo 1983 - Credits: Letizia Battaglia
Via Pindemonte, Ospedale Psichiatrico - Palermo 1983 - Credits: Letizia Battaglia
Geraci Siculo, 1980 - Credits: Letizia Battaglia
Credits: Letizia Battaglia
Il Ballo, Festa di Capodanno a Villa Airoldi - 1985 - Credits: Letizia Battaglia
Ritratto di Letizia Battaglia - Credits: Letizia Battaglia
News

Letizia Battaglia in mostra al MAXXI di Roma

Una mostra antologica
 per ripercorrere l’attività di una delle più figure più rilevanti all'interno del panorma della fotografia contemporanea, testimone attenta della politica e della società italiana a partire dagli anni Sessanta.

Fino al 17 aprile il MAXXI di Roma celebra Letizia Battaglia con una grande retrospettiva intitolata Per pura passione, curata da Paolo Falcone, Margherita Guccione e Bartolomeo Pietromarchi, che comprende oltre 200 scatti in bianco e nero, provini e vintage print inediti provenienti dall’archivio storico dell’artista siciliana, insieme a riviste, pubblicazioni, film e interviste.

Si parte dal suo primo servizio per L’Ora di Palermo, pubblicato nel 1969, dedicato alla prostituta Enza Montoro, fino ad arrivare alle fotografie delle occupazioni, degli scontri di piazza, delle manifestazioni politiche negli anni Settanta e quelle della nuova scena creativa milanese che la porta a conoscere e ritrarre Pier Paolo Pasolini e Franca Rame. In mostra non mancano scatti d’inchiesta sulla mafia: i volti di giudici, poliziotti e uomini delle istituzioni in prima fila nella lotta contro Cosa Nostra; così come immagini delle feste e dei ricevimenti, le processioni, i riti funebri e le feste religiose.

Il percorso espositivo è articolato in due macro aree ed esplora a tutto tondo la figura di Letizia Battaglia, per restituire la complessità del suo operato che intreccia fotografia, editoria, teatro sperimentale e politica.

Places
La nuova Elbphilharmonie di Amburgo
Products
Sei toni di verde
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto