‘Encircling Vessel, Whispering Vessels series’ di Adi Toch, recipiente in argento britannia che contiene sfere in acciaio inossidabile
‘Waiting for Godot 130307-134090’ di Bae Sejin, argilla
‘Manga Ormolu Ver. 5.0-s’ di Brendan Lee Satish Tang, ceramica cotta a bassa temperatura + smalto + acrilico
‘Norwegian Sweater’ di Celia Pym, maglia danneggiata originale dalla Ragpile Collection di Annemor Sundbø
‘Tree of Life 2’ di Ernst Gamperl, quercia
'Dreamers’ di Fátima Tocornal, smalto, argento nichelato
‘Animal Print’ di Guillermo Álvarez-Charvel, carta
‘Ellerbeckia’ di Helena Schepens, argento sterling
‘Edge of Chaos’ di David Huycke, argento
‘Line and Surface: VI’ di Igawa Takeshi, lacca urushi giapponese, lino, uretano
‘An Ambitious Pagan I’ di Anne Low, lino intessuto a mano tinto madder corallo e noce nero
‘Puffed Up series’ di Kim Buck, oro
‘Burial object “Steps”‘ di Kristina Rothe, carta lavorata a mano
‘Dinosaur’ di Lino Tagliapietra, murrina romane multicolor di vetro soffiato
‘Many&Deliberated’ di Patrícia Domingues, lapislazzuli ricostruiti
‘Steampunk from the Cosmos’ di Robert Baines, oro
‘Winter’ di Sangwoo Kim, gres e porcellana
‘Esker Vessel’ di Sara Flynn, porcellana
‘Tata Curiata’ di Artesanias Panikua, fibra di frumento
‘Selva Blanca’ di Chiachio & Giannone, fili di cotone e rayon, legno, tessuto, fili di gioielli
‘NeoFolk’ di Heidi Friesen, lino, cotone, canapa, seta
‘Converging Line’ di Sylvie Vandenhoucke, vetro – pasta di vetro
‘Big Trays of parquetry’ di Shuji Nakagawa, cedro giapponese
‘White on White Quilt - Moyur’ di Sona, tessuto di cotone
‘Structural Blue’ di Yoshiaki Kojiro, polvere di vetro e polvere di ossido di rame
‘Tree Chair’ di Zhilong Zheng, legno
News

I finalisti del Loewe Craft Prize

Sono stati svelati a Madrid i nomi dei 26 finalisti del Loewe Craft Prize, il concorso lanciato nel 2016 dalla maison di moda spagnola con l’obiettivo di esibire e celebrare l’innovazione, l’eccellenza e il valore artistico dell’artigianato moderno.

«L’artigianato è l’essenza di Loewe», ha dichiarato Jonathan Anderson, direttore creativo di Loewe. «La nostra maison è fondata sull’artigianato nella sua forma più pura. È qui che si trova la modernità ed avrà sempre un’importanza cruciale».

I finalisti sono stati scelti tra quasi 4mila proposte pervenute da oltre 75 paesi. La giuria, che annovera nomi di primo punto del mondo del design come Patricia Urquiola, Naoto Fukasawa e Deyan Sudjic, ha affermato che «le opere scelte rispecchiano la totale dedizione dell’autore: un insieme di idee, abilità e metodo; una materializzazione tattile di maestria e visione. I finalisti selezionati, compresi in una fascia d’età che va dai 20 agli 80 anni, sfiorano il confine tra arte e artigianato».

Tutte le opere saranno esibite al Colegio de Arquitectos di Madrid (COAM) dal 10 aprile al 10 maggio 2017, a New York presso la Chamber Gallery, dal 31 maggio al 7 giugno, e infine a Tokyo nel mese di novembre. Mentre il vincitore del Loewe Craft Prize 2017 sarà annunciato il prossimo 10 aprile a Madrid. 

Storytelling
Nel circo di Paolo Ventura
News
Gimme Danger: il docufilm su Iggy Pop
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La ceramica che scommette sull’innovazione

La ceramica che scommette sull’innovazione

Nel cuore del distretto di Sassuolo, Marazzi Group inaugura uno stabilimento ad alta automazione. Dove l’ingegno visionario dei designer si trasforma in realtà
Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Un progetto suggestivo a tema natalizio, che prende forma attraverso una duplice scenografia luminosa visibile fino al prossimo 6 gennaio
L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

Un’opera site-specific che prende forma sulla copertura de L’Illa Diagonal, edificio progettato da Rafael Moneo e Manuel de Solà-Morales
La casa-museo di Tony Salamé

La casa-museo di Tony Salamé

A Beirut, ospiti dell’imprenditore nel retail di lusso e creatore della Aïshti Foundation, Tony Salamé. Che ha fatto della ricerca della bellezza una ragione di vita. E del collezionismo d’arte contemporanea una missione
I 240 anni del Teatro alla Scala

I 240 anni del Teatro alla Scala

Una mostra per ripercorrere l’evoluzione del Teatro e della città di Milano, dal XVIII ad oggi. Con il progetto di Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto