Manifattura Tabacchi - Credits: Foto: Niccolò Vonci
Manifattura Tabacchi - B9 - Credits: Foto: Niccolò Vonci
Manifattura Tabacchi - B9 - Credits: Foto: Niccolò Vonci
Manifattura Tabacchi - B9 - Credits: Foto: Niccolò Vonci
Manifattura Tabacchi - B9 - Credits: Foto: Niccolò Vonci
Manifattura Tabacchi - B9 - Credits: Foto: Niccolò Vonci
Manifattura Tabacchi - B9 - Credits: Foto: Niccolò Vonci
Manifattura Tabacchi - Plastic Dreams - Credits: Foto: Niccolò Vonci
Manifattura Tabacchi - Plastic Dreams - Credits: Foto: Niccolò Vonci
Manifattura Tabacchi - Plastic Dreams - Credits: Foto: Niccolò Vonci
Manifattura Tabacchi - Plastic Dreams - Credits: Foto: Niccolò Vonci
News

Manifattura Tabacchi: una nuova casa per la controcultura fiorentina

È uno degli esempi più significativi di Razionalismo italiano: progettata negli anni Trenta dall'ingegner Pier Luigi Nervi, la Manifattura Tabacchi di Firenze ha prodotto sigari e sigarette fino al 2001. Oggi, dopo quasi vent'anni di inattività, torna ad essere un centro di produzione, questa volta artistica, grazie a un progetto di riqualificazione che l'ha trasformata in uno spazio per le arti contemporanee. Un luogo aperto ai linguaggi del presente, fluido e multiforme, che vuole essere una nuova casa per la controcultura fiorentina.

L'ex complesso industriale si estende su una superficie di 100.000 mq e si compone di sedici edifici. Cuore del nuovo progetto è il Building 9 (B9), articolato su circa 3000 mq, che ospita quattro atelier, quattro laboratori, uno spazio eventi multifunzionale, una caffetteria, uno spazio degustazione di birra artigianale e un cortile esterno dotato di un palco per gli spettacoli e di un'area verde con orto biodinamico e giardino per i bambini. Il progetto di allestimento, firmato dallo studio fiorentino Q-bic, ha voluto preservare il fascino industriale dell'edificio conservando le superfici esistenti e utilizzando elementi di recupero. Il risultato è un ambiente informale e rilassato, che ospiterà una comunità stabile di makers e creativi.

Inoltre, gli spazi di B9 accolgono un'installazione realizzata dal neurobiologo Stefano Mancuso e PNAT, spin-off accademico dell’Università degli Studi di Firenze: La Fabbrica dell'aria, dispositivo sperimentale che riduce l'inquinamento indoor utilizzando e migliorando la capacità delle piante di assorbire e degradare gli inquinanti atmosferici. Gli spazi sotterranei dell'edificio sono invece il teatro del progetto Plastic Dreams, percorso di nove video installazioni curato da Amar Ediriwira e Gennaro Leone e appositamente concepito per gli spazi della Manifattura. Ma non finisce qui: nel cortile della ciminiera è presente TOAST Project Space, micro-spazio indipendente curato dall'artista Stefano Giuri, che sarà abitato dalle opere di artisti internazionali emergenti.

Per tutta l'estate, poi, Manifattura Tabacchi ospiterà circa 200 eventi in collaborazione con Estate Fiorentina, tra cui festival, proiezioni, dj set, concerti, installazioni artistiche, live performance, mostre, reading, talk e bike tour. Qui il calendario degli eventi in programma.

Infine, entro la fine dell'anno, Manifattura Tabacchi ospiterà anche la terza sede fiorentina di Polimoda, diventando così un nuovo punto di riferimento per 800 studenti internazionali.