Lo spazio Gaggenau DesignElementi HUB - Credits: Gaggenau
Maria Wasilewska, Reflections & Distortions - Credits: Gaggenau
Maria Wasilewska, Reflections & Distortions - Credits: Gaggenau
Maria Wasilewska, Reflections & Distortions - Credits: Gaggenau
News

L’artista polacca Maria Wasilewska è in mostra a Milano

Lo spazio milanese Gaggenau DesignElementi HUB, in corso Magenta al numero 2, torna a ospitare un nuovo appuntamento culturale, nell’ambito del ciclo artistico On Reflection nato dalla collaborazione tra Gaggenau e il progetto no profit Cramum.

Dal 14 novembre al 21 gennaio 2019, in occasione del centenario dell'indipendenza polacca (1918 - 2018), l’artista Maria Wasilewska, classe 1971, inaugura la mostra personale Reflections & Distortions curata da Sabino Maria Frassà.

L'esposizione si sviluppa in sei sculture inedite in legno e acciaio che completano il progetto avviato a Milano nel 2014 con la mostra Distortions da AMY D Arte Spazio. Le opere di questo ciclo sono accomunate dalla forte distorsione nel riflesso.

«La mia stessa idea di arte riguarda la distorsione»,ha dichiarato Maria Wasilewska. «L'arte è proprio quella distorsione, quell'alterazione della realtà che porta lo spettatore a riflettere e non a riflettersi nell'opera. Maggiore è la presenza di distorsioni mediante movimenti, riflessi e altre inferenze, maggiore sarà la possibilità che ci distacchiamo dall'ossessione di interpretare e razionalizzare la realtà e tutto ciò che ci circonda».

Un progetto che ben si presta a concludere il ciclo On Reflection, come sottolinea il curatore Sabino Maria Frassà«Chi sono quei mostri informi che vediamo nel riflesso delle sculture di Maria Wasilewska? Siamo noi? Le opere, apparentemente algide e perfette, ricercano in realtà la deformità nel riflesso come unico modo di rappresentare noi e la realtà. Lo spettatore si trova così perso, deforme e moltiplicato di fronte all'opera... uno, nessuno e centomila».