Shimmer, la serie di tavolini rotondi progettatati da Patricia Urquiola per Glas Italia
Diatom, la seduta impilabile in alluminio progettata da Ross Lovegrove per Moroso
Ossidiana, la caffettiera espresso progettata da Mario Trimarchi per Alessi
Cha, la teiera giapponese disegnata da Naoto Fukasawa per Alessi
A.B.C.D., la poltrona disegnata da Antonio Citterio per Flexform
Ok, la lampada a sospensione disegnata da Konstantine Grcic per Flos
Tibu, la serie di sgabelli disegnata da Torbjørn Anderssen ed Espen Voll per Magis
News

I migliori progetti di design italiano del 2015

Alessandro Mitola

ADI Design Index torna anche quest’anno presentando il meglio del design italiano. E lo fa con una doppia mostra a Milano e a Roma. Fino al prossimo 9 ottobre, gli spazi di ADI per EXPO ospiteranno 150 progetti di design prodotti nel corso dell’ultimo anno, esplorando settori che spaziano dall’arredamento all’automobile, dai componenti per l’edilizia ai libri. La rassegna, dal 15 al 25 ottobre, si sposterà poi nella capitale, per la precisione presso l’Orto Botanico. Inoltre ADI Design Index sarà presente alla Maker Fair romana con una mostra intitolata Autoproduzioni, dedicata a oggetti e servizi selezionati dall’associazione del settore negli ultimi tre anni.

Su 758 candidati, l’autorevole giuria ha selezionato 150 prodotti prescelti per il prossimo Compasso d’Oro, a cui si aggiungono 23 progetti degli studenti delle scuole italiane di design per la Targa Giovane. Come consuetudine la valutazione è stata effettuata dal gruppo di lavoro dell’Osservatorio permanente del Design, composto da oltre cento esperti che, per tutta la durata dell’anno, hanno puntato una lente di in gradimento sui migliori progetti made in Italy.

Quest’anno, tra i progetti in concorso, merita sicuramente attenzione la produzione firmata Alessi: Cha, un’interpretazione moderna dell’antica teiera giapponese firmata da Naoto Fukasawa e Ossidiana, una caffettiera espresso progettata dall’architetto siciliano Mario Trimarchi. Flexform è stata selezionata con A.B.C.D., una reinterpretazione dell’iconica A.B.C. disegnata da Antonio Citterio nel 1996. Glas Italia è presente con Shimmer, una serie di tavolini rotondi in cristallo stratificato e incollato progettatati da Patricia Urquiola, la cui colorazione varia in funzione dell’angolo di incidenza della luce e del punto di osservazione. Moroso partecipa con Diatom, una moderna seduta impilabile in alluminio dalle linee tondeggianti caratterizzata da una texture 3d progettata dall’inglese Ross Lovegrove. Flos partecipa con Ok di Konstantine Grcic, una lampada a sospensione, chiaro omaggio a Parentesi, icona del disegno industriale italiano firmata da Achille Castiglioni nel 1970. Infine Magis con Tibu, uno sgabello essenziale disegnato dal duo Torbjørn Anderssen ed Espen Voll con seduta circolare e poggiapiedi collegati tramite un tubolare che si innesta alla colonna di sostegno nel punto di curvatura.

Storytelling
I 30 anni dell’iconico bollitore Alessi firmato da Michael Graves
Products
Arredo d'ufficio: le novità tra funzionalità e glamour
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto