News

Il robot umano nel sogno del suo creatore

Milano Design Film Festival

L’anticonformista e guru dell’intelligenza artificiale Ben Goertzel cerca di costruire la prima macchina pensante a Hong Kong. Ma, mentre cerca di superare ostacoli personali e tecnologici, le storie sul suo passato mettono in dubbio la credibilità del suo lavoro. È il film Machine of Human Dreams (Roy Cohen, UK/Hong Kong 2015), première italiana presentata dal direttore di Icon Design Michele Lupi alla quinta edizione di Milano Design Film Festival (venerdì 20 ottobre, ore 20.45, Anteo Palazzo del Cinema).

Goertzel è cresciuto in una comunità hippie durante la guerra del Vietnam. Ispirato dalla fantascienza, immagina un mondo razionale e perfetto che trascende la violenza degli Anni 70. Da allora, dedica la sua vita allo sviluppo di OpenCog, un software modellato sulla mente umana. Ma affinché OpenCog funzioni, ha bisogno di un corpo. Il regista britannico Roy Cohen segue per tre anni i tentativi di Ben di creare il prototipo di OpenCog a Hong Kong, con il finanziamento del Governo locale.

La sua storia è quella di un scienziato geniale e ambivalente, riferimento di una generazione di tecnologi dell’intelligenza artificiale. Goertzel ha coniato il termine Artificial General Intelligence (A.G.I.) ben prima che start-up come DeepMind fossero acquistate da Google. Infatti, il co-fondatore di DeepMind, Shane Legg, ha lavorato per Goertzel nel 2000. Ma, a differenza di Legg, Ben ha cercato, e sta cercando, di rendere l’A.G.I. open source e condivisibile con chiunque abbia accesso a Internet.

Ben: genio o folle? Questa è la domanda che il pubblico si chiederà per tutto il film. E anche: l’A.G.I. è davvero un’innovazione che cambierà il mondo o è la chimera di un popolo di nerd? Il documentario metterà in relazione testimonianze dirette di Ben Goertzel con interviste a colleghi ed esperti del suo lavoro per comprendere l’approccio lavorativo e la filosofia sottesa. Ben è uno spirito libero, quello condiviso dai promotori dell’open source, non in grado di collaborare per le grandi corporazioni o le multinazionali – IBM e Bell Labs hanno avuto dipartimenti interni di intelligenza artificiale, oggi chiusi perché non commerciali. Goertzel ci appare come un imprenditore “imperfetto” e un pensatore trans-umanista. Ma soprattutto come un sognatore appassionato.

Così il regista Roy Cohen lo descrive: «Ho intervistato decine di ‘trans-umanisti’ prima e durante le riprese. La mia naturale inclinazione mi porta sempre a dubitare di chiunque creda, senza riserve, nella promessa della tecnologia come veicolo del Bene. Questo film è il mio tentativo di capire perché e in che modo questi tecnici sperano di cambiare l’umanità. Oppure, per usare la spiegazione di Ben a suo figlio, ‘perché questo pazzo di scienziato ha deciso di rendere l’umanità obsoleta’. Quello che questo film ci trasmetterà è che la storia di una tecnologia radicale come l’A.G.I. è la storia della passione umana. E di una serie di ostacoli: quando le valutazioni del Governo sono insoddisfacenti, o le persone intorno a lui hanno dubitato di poter realizzare la sua visione grandiosa. Le radici di questa passione vengono esplorate anche con immagini d’archivio di opere di fantascienza e foto personali dell’infanzia di Ben in una comunità hippie dell’Oregon. Il film ha anche un messaggio più generale: viviamo in un’epoca in cui tecnici visionari hanno più influenza sulle nostre vite che mai».

Products
Intelligenza lussuosa formato smartphone
News
Cinema Nascosto: Milano da scoprire
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Elettrodomestici di design: un po

Elettrodomestici di design: un po' di novità

Da scoprire nel servizio fotografico di Thomas Albdorf, con il set design di Cameranesi & Pompili e la moda di Fabiana Fierotti
Tre documentari di architettura da vedere

Tre documentari di architettura da vedere

Protagonisti Frank Lloyd Wright, Mies Van Der Rohe, Gio Ponti. Su Rai 5, a partire dal 18 gennaio, e alla Triennale di Milano, lunedì 21 gennaio
Un autobus per i 100 anni del Bauhaus

Un autobus per i 100 anni del Bauhaus

Richiama le architetture dello storico istituto di Dessau realizzato nel 1919. L’obiettivo? Indagare il ruolo del design all'interno delle realtà sociali e politiche
Caffè Fernanda, la nuova caffetteria della Pinacoteca di Brera

Caffè Fernanda, la nuova caffetteria della Pinacoteca di Brera

Un omaggio a Fernanda Wittgens, prima donna a dirigere un museo statale in Italia. Con il progetto di interior curato da rgastudio
The Student Hotel a Firenze: come cambia il mondo dell’ospitalità


The Student Hotel a Firenze: come cambia il mondo dell’ospitalità


Un modello ibrido concepito per accogliere studenti, lavoratori, viaggiatori e residenti. Nato sulle ceneri di un palazzo storico in via Lavagnini