Ex Macello in viale Molise. Sopra: Via dei Pestagalli. Dal volume Ri-formare Milano. Progetti per aree ed edifici in stato di abbandono, curato da Barbara Coppetti con Cassandra Cozza
Corso XXII Marzo. Dal volume Ri-formare Milano. Progetti per aree ed edifici in stato di abbandono, curato da Barbara Coppetti con Cassandra Cozza
Corso XXII Marzo. Dal volume Ri-formare Milano. Progetti per aree ed edifici in stato di abbandono, curato da Barbara Coppetti con Cassandra Cozza
Via Lamarmora – Via Orti. Dal volume Ri-formare Milano. Progetti per aree ed edifici in stato di abbandono, curato da Barbara Coppetti con Cassandra Cozza
Ex Cinema Maestoso ed ex Macello. Dal volume Ri-formare Milano. Progetti per aree ed edifici in stato di abbandono, curato da Barbara Coppetti con Cassandra Cozza
News

Gli studenti che filmano l’architettura

Milano Design Film Festival

L’Accademia di Architettura di Mendrisio e il Politecnico di Milano portano alla quinta edizione di Milano Design Film Festival (19-22 ottobre, Anteo Palazzo del Cinema) il lavoro di ricerca dei propri studenti sulla rappresentazione dello spazio costruito attraverso il cinema.

In mostra per la quinta volta al Festival i cortometraggi del workshop Filmare l’architettura, ideato e diretto da Marco Müller nell’ambito della cattedra di “Stili e tecniche del cinema” a Mendrisio, che quest’anno ha visto come guest teacher l’acuto regista tedesco Heinz Emigholz. Gli studenti hanno potuto prendere spunto dal suo personale modo di rappresentare l’architettura, caratterizzato dal procedere lento, fatto di sequenze fisse quasi fossero still-life, per una lettura dettagliata e profonda del progetto. Uno sguardo capillare sullo spazio costruito, impossibile da percepire dal vero. Sotto la guida di Emingholz, gli studenti hanno interpretato due architetture ticinesi: l’ex-sanatorio di Medoscio e Casa Croci a Mendrisio.

Il Politecnico di Milano presenta invece Ri-formare Milano, dieci brevi documentari nati dal lavoro di ricerca degli studenti su aree urbane abbandonate tra il 2013 e il 2016. I dieci “frammenti” ritraggono uno scenario variegato, a volte sommerso, in cui si intrecciano storia e futuro, vicende private e resistenze di memoria collettiva, fragilità e bisogni sociali. Ri-formare Milano mette in evidenza il periodo storico attuale, in cui le grandi trasformazioni urbanistiche stanno inesorabilmente mutando il volto della città e dei suoi abitanti.

Tra i cortometraggi, Il tempo della Borletti (Ex Fabbrica Borletti) di Giulia Canella (2015, 10’00”). A due passi dal centro di Milano, una vecchia signora attende da anni di riappropriarsi della sua dignità: si tratta della ex fabbrica Borletti. Tra sveglie e macchine da cucire, il documentario raccoglie le testimonianze di proprietari ed ex proprietari, passanti e residenti ed esperti di restauro. Il tempo della Borletti sembra essersi congelato tra le mura di piazza Irnerio. Che fine farà questo pezzo importante della storia di Milano?

Products
Le novità rivestimenti presentate al Cersaie 2017
News
I cinque articoli più letti di settembre
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi