Uno scatto di Giorgio Barrera a Villa Cavrois per il numero di novembre/dicembre 2016 di Icon Design
Uno scatto di Ed Templeton - Credits: Micamera
Un estratto dal documentario Don't Blink dedicato a Robert Frank - Credits: Fondazione Stelline
Uno scatto di Andy Rocchelli tratto da Russian Interiors - Credits: Cesura
Uno scatto di Takashi Homma tratto dalla serie The Narcissistic City, 2017 - Credits: Viasaterna
Uno scatto di Satoshi Fujiwara - Credits: Osservatorio Prada
Paolo Ventura
Uno scatto di Osborne Macharia della serie Kabangu - Credits: Frigoriferi milanesi - Lagos Photo Festival
News

La prima edizione di Milano Photo Week

Milano ne sentiva il bisogno: a fare compagnia alla settimana dell’arte, del design e dei libri sarà quella della fotografia. La prima edizione di Milano Photo Week si terrà dal 5 all’11 giugno con un palinsesto diffuso di oltre 150 iniziative dislocate in città, tra mostre, incontri, visite guidate, laboratori e proiezioni urbane. Ci saranno grandi nomi come Robert Doisneau, Robert Frank, Robert Mapplethorpe, Vivian Maier, Tim Hetherington e tanti autori contemporanei.

L’iniziativa è promossa e coordinata dal Comune di Milano, Assessorato alla Cultura, realizzata in collaborazione con ArtsFor, con il supporto di Foundation Carmignac e Leica. «L’obiettivo di Milano Photo Week è quello di soddisfare gli appassionati più esigenti e allo stesso tempo avvicinare nuovi fruitori al mondo della fotografia», raccontano gli organizzatori. «La rassegna non è stata concepita come un festival, piuttosto come un palinsesto inclusivo che si autoproduce e alimenta grazie al valore progettuale di cui Milano è ricca».

Il programma di Milano Photo Week

Tra gli appuntamenti in primo piano, l’inaugurazione di lunedì 5 giugno con il progetto 365+1 Ritratti a Milano ideato da Leica Camera Italia e con la partecipazione di 30 fotografi milanesi che si alterneranno su un set fotografico en plein air nello spazio antistante il Leica Store. Sempre di lunedì, alle 21.00, BASE Milano ospiterà una serata dedicata ai collettivi fotografici dal mondo, una lunga proiezione curata da Cesura, dal titolo Common Thinking.

Martedì 6 giugno dalle ore 18.30, ai Frigoriferi Milanesi, spazio alla fotografia africana con la mostra Il cacciatore bianco, che include opere di Seydou Keita, Malik Sidibé e Guy Tillim, e la collaborazione con Lagos Photo Festival.

Mercoledì 7 giugno alle 21.00, presso il chiostro di Fondazione Stelline, si terrà l’anteprima del documentario Robert Doisneau: Through the Lens, di Clémentine Deroudille.

Giovedì 8 giugno dalle ore 16.00 in Triennale, un pomeriggio a cura di MiBACT per la fotografia: nuove strategie e nuovi sguardi sul territorio. La sera, dalle 21.00 ancora in Fondazione Stelline per il film dedicato al fotografo americano Bill Cunningham e un’introduzione al prossimo PhotoVogue Festival che si terrà a novembre a Milano.

Sabato 10 giugno si terrà il laboratorio per bambini organizzato dal fotografo Paolo Ventura in collaborazione con MUBA, mentre da CineWanted in Via Tertulliano partirà una maratona di due giorni di film dedicati ai grandi fotografi contemporanei. In Fondazione Stelline alle 18.00 i talk a cura di Sky Arte HD in occasione del lancio della seconda edizione di Master of Photography. Domenica 11 giugno, nell’area di Porta Nuova, il progetto ‘ponte’ tra la Milano Photo Week e la Milano ArchWeek dal titolo Milano Open Portrait, promosso dalla Fondazione Riccardo Catella nell’ambito della Porta Nuova Smart Community e curato dal fotografo e artista Antonio Ottomanelli: installazione “a sorpresa” che coniuga fotografia e architettura.

Ma non è tutto. Anche Icon e Icon Design daranno il loro contributo alla rassegna in qualità di media partner e con una serie di appuntamenti da segnare in agenda. Dal 6 all’11 giugno, dalle 12.00 alle 19.00, si terrà Fotografare storie, cinque mostre d'autore. Ovvero: 5 mostre in 5 diverse gallerie di via Maroncelli per 5 modi di declinare lo Storytelling secondo Icon. Un percorso tematico tra moda, ritratto, luoghi, storie e talent, raccontato attraverso una raccolta di proiezioni dei servizi fotografici realizzati da Icon e Icon Design. Domenica 11 giugno, dalle 19.00 alle 22.00, saremo invece alla Fondazione Riccardo Catella per parlare di fotografia nei magazine contemporanei. A tenere le fila sarà il Direttore Michele Lupi in compagnia di Aldo Buscalferri, Creative director presso Les Éditions Jealou e art director de L'Optimum, Paris, Fr., Piero Negri Scaglione, responsabile redazione spettacoli de La Stampa, Torino, e Ramak Fazel, fotografo di base a Los Angeles. 

Il calendario completo si può consultare qui.

Products
Sguardi obliqui
Places
Singapore, cinque indirizzi tra design e architettura
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”