Credits: L'interno del flagship Taschen a Milano
Credits: L'interno del flagship Taschen a Milano
Credits: L'interno del flagship Taschen a Milano
Credits: Dettaglio del pavimento del flagship Taschen a Milano
Credits: Un angolo lettura del flagship Taschen a Milano
Credits: Dettaglio del pavimento del flagship Taschen a Milano
Credits: La scala che porta al secondo piano del flagship Taschen a Milano
Credits: La scala che porta al secondo piano del flagship Taschen a Milano
Credits: Dettaglio del pavimento del flagship Taschen a Milano
Credits: Un altro angolo del flagship Taschen a Milano
Credits: L'interno del flagship Taschen a Milano
Credits: L'esterno del flagship Taschen a Milano
News

A Milano la prima libreria Taschen: un omaggio all’arte italiana

Laura Barsottini

Ha aperto nel cuore di Milano, in via Meravigli, la prima libreria Taschen in Italia. 120 metri quadri su due livelli dove è possibile trovare i libri di immagine più belli del mondo.

Ma fin qui la notizia è scontata. Quello che fa la differenza è l'ambiente che Taschen ha voluto regalare a Milano e all'editoria di qualità. Pensato come un luogo di cultura e d'incontro, il progetto nasce dalle idee visionarie di Benedikt Taschen, fondatore della casa editrice. Gli arredi più spettacolari della libreria provengono dalla sua collezione personale: la grande lampada a sospensione anni 50 disegnata da Gio Ponti per l’hotel Parco dei Principi posto al piano terra e lo straordinario lampadario di Flavio Poli per Archimede Seguso, del 1954, che illumina lo spazio al piano superiore dedicato alle mostre. Anche il resto dell’arredo è un omaggio al genio italiano: al piano terra c’è un tavolo di Angelo Mangiarotti e al primo piano altri pezzi firmati Gio Ponti.

Per questo spazio di Milano, il designer Marc Newson, delle cui opere Taschen ha pubblicato vari volumi, ha disegnato uno scaffale modulare fatto di elementi in acciaio brunito opaco ultrasottile con accenti in resina gialla. Completano il progetto dei pannelli/mensole a parete, sempre in metallo brunito opaco, e grandi mobili a cassetti, dove il top trasparente diventa una teca per accogliere volumi in esposizione.

I pavimenti dei due piani sono opera di Jonas Wood, artista statunitense, che ha disegnato una giungla tropicale di foglie e orchidee giganti. Realizzate con una tecnica che accosta resine, terrazzo alla veneziana e dettagli in ottone.
È prezioso anche lo spazio che unisce i due piani: da un angolo biblioteca che è come un salotto, con un divano/alcova dedicato alla lettura, parte la scala in terrazzo alla veneziana multicolore. Con dettagli dorati: una ringhiera in ottone che riprende un motivo di Gio Ponti, un wall drawing sinuoso che si rincorre sulle pareti.

News
Gli italiani di MdAA al World Architecture Festival di Londra
Products
Cinque sveglie che hanno fatto la storia design
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto