Molteni, New York, progetto di Vincent Van Duysen
Molteni, New York, progetto di Vincent Van Duysen
Molteni, New York, progetto di Vincent Van Duysen
Molteni, New York, progetto di Vincent Van Duysen
Molteni, New York, progetto di Vincent Van Duysen
Molteni, New York, progetto di Vincent Van Duysen
Molteni, New York, progetto di Vincent Van Duysen
Molteni, New York, progetto di Vincent Van Duysen
Molteni, New York, progetto di Vincent Van Duysen
Molteni, New York, progetto di Vincent Van Duysen
Molteni, New York, progetto di Vincent Van Duysen
News

Il nuovo flagship store Molteni a Manhattan, firmato Vincent Van Duysen

Il Gruppo Molteni ha inaugurato a Manhattan una nuova vetrina al 160 di Madison Avenue, nel cuore del NoMad Design District, con la firma dell’architetto e designer belga Vincent Van Duysen.

Lo spazio è il primo al mondo a riunire i tre brand del Gruppo: Molteni&C, Dada, e UniFor. «Un progetto che traduce lo stile e l’eleganza italiana interpretando la classica dimora/ palazzo di New York. Stile ed eleganza percepibili nell’attenzione rivolta ai materiali, ai dettagli e alle lavorazioni artigianali dei portali, del pavimento in travertino e dell’imponente scala in noce», ha dichiarato Van Duysen.

In occasione dell’opening, il nuovo store si è arricchito di una serie di opere di artisti contemporanei, presentando il concept di una grande casa di un collezionista d’arte. Tra le opere, firmate da giovani artisti nati tra la metà degli anni Settanta e la fine degli anni Ottanta, spiccano le sculture da parete monocrome di Santo Tolone e i geroglifici pop di Stephen Felton.

L’installazione si inserisce nel progetto The Collector’s Housecurato da Caroline Corbetta,  fondatrice e direttore artistico de Il Crepaccio, per lo stand Molteni&C al Salone del Mobile 2018, tra opere di giovani artisti trovavano e grandi classici del design di varie decadi: come una poltrona di Gio Ponti o un tavolo di Jean Nouvel, ma anche a pezzi inediti al debutto sul mercato, come la sedia Woody di Francesco Meda e il divano Albert firmato dallo stesso Van Duysen.

Storytelling
Michael Anastassiades, il designer della sorpresa
News
La seconda edizione di Milano Arch Week
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”