Credits: Moss Architecture
Credits: Moss Architecture
Credits: Moss Architecture
Genius Loci - Moss Architecture. Scatti di Stane Street montati all’interno di simil camere oscure - Credits: Moss Architecture
Stane Street - Kennington Park - Credits: Moss Architecture
Stane Street - Leatherhead - Credits: Moss Architecture
Stane Street - M25 - Credits: Moss Architecture
Stane Street - Chichester - Credits: Moss Architecture
Stane Stree - Box Hill Vineyard - Credits: Moss Architecture
News

Il Genius Loci e l’identità di una strada

Milano Design Film Festival

Stane Street è un’antica strada romana che dall’area londinese di London Bridge, nel distretto di Bankside, porta a Chichester, una cittadina nella costa sud dell’Inghilterra.

In questa zona ha sede lo studio Moss Architecture che ha deciso di renderle un tributo e svelare alla comunità locale le sue tracce. Bankside è oggi un quartiere in rapida trasformazione, in cui si sono trasferiti svariati studi di creativi e in cui grandi arterie del traffico si sovrappongono ad aree ancora inurbanizzate, piccoli vicoli e piazze. È come un villaggio in una grande metropoli.

Per celebrare questo luogo e la sua evoluzione nel tempo, Moss Architecture ha realizzato una mostra site specific, in cui fotografie montate all’interno di una sorta di camera oscura e un video mettono in evidenza la diversità morfologica della strada, la sua storia e ricchezza. Ancora attiva, Stane Street dai campi di Chichester attraversa vigneti, la cittadina di Leatherhead e il parco di Kennington nel distretto di Lambeth. È evoluta nel tempo divenendo parte integrante del sistema viario dell’area del London Bridge.

L’utilizzo sociale e le relazioni commerciali sono quindi alla base dello sviluppo, peculiare e irripetibile, del luogo. È appunto il Genius Loci. Moss Architecture ha percorso gli oltre 95 km (60 miglia) di strada registrando suoni, scattando fotografie e filmando video in precisi punti di stazionamento. Si tratta dunque di un lavoro “archivistico” e documentaristico in cui alle immagini e i suoni reali, quasi senza montaggio, è affidata la testimonianza dell’essenza del luogo.

Il video è infatti un collage di filmati lungo la strada che catturano la variazione del tessuto, della densità e dell’utilizzo: dalla campagna, alla strada ad alta percorrenza, alla piazza con il pub e le persone in sosta. Le fotografie, infine, sono montate all’interno di scatole di legno compensato dotate di lenti circolari a “occhio di pesce”, che consentono alla luce naturale di entrare e di distorcere l’immagine bidimensionale con un effetto tridimensionale.

Places
InBox Capsule Hotel: design e comfort a San Pietroburgo
Products
IKEA lancia due collezioni in edizione limitata
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto