Uno scatto dalla serie Instant Tomorrow di Dmitry Lookianov - Credits: Dmitry Lookianov
News

Il racconto del mondo post-sovietico attraverso l’architettura

Power & Architecture si delinea come una delle più interessanti mostre di architettura del 2016.

Avrà luogo presso la Calvert 22 Foundation di Londra, un contenitore non-profit di prodotti culturali che vertono sulla creatività che sorge nei luoghi dell’est del mondo: Europa orientale, i Balcani, la Russia e l’Asia Centrale.

Power and Architecture è un racconto del mondo post-sovietico, attraverso le sue forme più comuni: un’architettura di grande stile, geometrica e omogenea che nasconde un’ideologia socialista che ha influenzato profondamente i luoghi dell’est.

È una mostra allargata, che ha aperto i battenti lo scorso 10 giugno a proseguirà fino al 9 ottobre 2016.

È l’analisi delle città, degli spazi pubblici e dei cittadini, di come tutto si rapporta reciprocamente attraversando diverse diverse epoche storiche.

L'indagine assume diverse forme: workshop, incontri e, ovviamente, una mostra divisa in quattro blocchi principali. 

Uno scatto ritagliato dal film di Anton Ginzburg - Credits: Anton Ginzburg
Hyperborea and Walking the Sea è il film di Anton Ginzburg per la ricerca dell'utopia perfetta - Credits: Anton Ginzburg
Un fotogramma tratto da Instant Tomorrow series di Dmitry Lookianov - Credits: Dmitry Lookianov
L'utopia suburbana di Dmitry Lookianov - Credits: Dmitry Lookianov
Una delle chiese ritratta dall'alto di Kuba Snopek, Iza Cichońska e Karolina Popera - Credits: Kuba Snopek, Iza Cichońska e Karolina Popera
Il progetto ritrae 3,597 chiese costruite contro la volontà del governo durante la seconda metà del XX secolo - Credits: Kuba Snopek, Iza Cichońska e Karolina Popera

Utopia & Modernity: l'immaginazione di un futuro utopico

Quattro artisti riflettono sulla visione modernista di una città socialista e immaginano una visione utopica del futuro.

Instant Tomorrow di Dmitry Lookianov offre una rappresentazione del futuro attraverso l'ambientazione di un appartamento moscovita. L'utopia nasce dal minimalismo degli arredi e l'architettura piuttosto ripetitiva. 

Hyperborea and Walking the Sea è il film di Anton Ginzburg. Esplora la ricerca di una vita immaginaria lasciando emergere il conseguente e devastante impatto della mera utopia.

Architecture of the VII Day catalogue raccoglie 3,597 chiese costruite interamente a mano contro la volontà dello stato Polacco intorno alla seconda metà del ventesimo secolo.

Un'esempio di architettura fantasma nel lavoro di Vahram Agasian - Credits: Vahram Agasian
Vahram Agasian ritrae le architetture abbandonate sparse per l'ex impero sovietico - Credits: Vahram Agasian
Monumenti abbandonati nel lavoro Traces of the Soviet Empire di Eric Lusito - Credits: Eric Lusito
2nd Guards Tank Division, Mongolia in Traces of the Soviet Empire - Credits: Eric Lusito
Utopian strive of humans for technological progress di Danila Tkachenko - Credits: Danila Tkachenko
Un monumento abbandonato, dalla serie di Danila Tkachenko - Credits: Danila Tkachenko

Dead Space & Ruins: la forza dell'abbandono

Tre fotografi esplorano gli spazi abbandonati dell'ex Unione Sovietica, ammirandone il contrasto lasciato dalla voglia di rinascere e progredire. 

Eric Lusito illustra tutto ciò che è rimasto della forza militare dell'USSR, dall'europa dell'est fino alla Siberia. Porta alla luce rovine, monumenti e relitti provenienti da un'altra epoca.

Danila Tkachenko presenta lo sforzo utopico degli esseri umani per il progresso tecnologico. Lo fa esplorando siti abbandonati, ritrovando costruzioni e monumenti abbandonati alla forza della natura.

Vahram Aghasyan va alla scoperta delle aree urbane abbandonate dell'Impero Sovietico. Quello che rimane delle città fantasma, dopo crisi economiche, catastrofi industriali sono sterminate aree costellate da palazzi in rovina. 

Un'immagine da Museum of Skateboarding - Credits: Kirill Savchankov
Museum of Skateboarding mette in luce il rapporto tra determinati interventi architettonici e l'uomo, attraverso lo Skateboarding - Credits: Kirill Savchankov
Lo studio del linguaggio segreto dello Skate di Kirill Savchankov - Credits: Kirill Savchankov

Citizen Activated Space - Museum of Skateboarding: rivisitare le aree urbane dei sobborghi di Mosca attraverso lo Skate 

Questa terza tappa è commissionata direttamente da Calvert22. 

Un'istallazione dell'artista russo Kirill Savchenkov ribalta il significato di skateboard che non considera una mera disciplina ma un mezzo per esplorare i sobborghi di Mosca.

Un'immagine dal lavoro di Aikaterini Gegisian - Credits: Aikaterini Gegisian
La militarizzazione degli spazi pubblici e la divisioni di generi nel lavoro di Aikaterini Gegisian - Credits: Aikaterini Gegisian
Un'immagine di Mosca, del progetto di Ogino Knauss - Credits: Manuela Conti / Ogino Knauss
Berlino, nel progetto Post Socialist Triplicities di Ogino Knauss - Credits: Manuela Conti / Ogino Knauss
Monumental Propaganda: Ciò che rimane dei monumenti oggi, in seguito alle politiche Ucraine - Credits: Donald Weber
Monumental Propaganda di Donald Weber - Credits: Donald Weber

The Afterlives of Modernity - shared values and routines: il rapporto con il futuro

Il tutto si chude con quattro artisti e una serie di architetture abbandonate in grado di creare particolari sinergie nel cittadino che ha condiviso con il resto della comunità la stessa storia socialista.

My Pink City è il film di Aikaterini Gegesian. E' la rappresentazione della militarizzazione degli spazi pubblici e la separazione di classe all'interno della città.

Monumental Propaganda è una serie prodotta da Donald Weber nell'atto di documentare tutti i monumenti in Ucraina sopravvissuti alla legge di eliminazione voluta dal governo, in seguito allo scoppio della guerra supportata dalla Russia nella parte est del paese. 

Traces on Concrete rappresenta la casa dell'artista Dmytrij Wulffius: Yalta, in Crimea. 
L'architettura post-sovietica vista dall'occhio di una classe giovane e moderna. 

Re:centering Periphery: Post Socialist Triplicities. Berlino, Belgrado e Mosca rappresentate da Ogino Knauss. Tre città profondamente diverse tra loro che hanno accolto la modernità in maniera differente, innescando un processo di trasformazione che perdura oggigiorno.

Places
Noor: un ristorante andaluso di ispirazione araba
Places
Cantina Pizzolato, tra vini organici e vegani
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento