'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
News

Una mostra sull’abitare

Il tema degli spazi abitabili è protagonista della nuova mostra al Vitra Design Museum di Weil am Rhein intitolata Together! The New Architecture of the Collective, con la curatela di Ilka e Andreas Ruby, Daniel Niggli e Mathias Müllerindaga.

Un tema di estrema attualità, oggi più che mai visto che lo spazio abitabile è una risorsa scarsa e mentre i prezzi degli immobili nelle grandi città sono in continuo aumento, i concetti tradizionali di costruzione degli appartamenti non sono più in grado di soddisfare il fabbisogno.

Con l’aiuto di modelli, filmati e appartamenti in scala 1:1, la mostra presenta fino al prossimo 10 settembre esempi europei, asiatici e statunitensi, ma anche storici precursori dell’architettura comunitaria: dalle idee di riforma del XIX secolo alla scena hippy e all’occupazione delle case, ispirata dal motto «Make love, not lofts».

L’esposizione comincia con una carrellata degli ideali abitativi ad ispirazione sociale, nati in primo luogo da una protesta contro i rapporti di forza esistenti. Tra gli esempi illustrati ci sono il falansterio di Charles Fourier (1772–1837), la colonia Monte Verità, nata in Ticino alla fine del XIX secolo, le cooperative di alloggi degli anni ‘20, ma anche la Città Libera di Christiania di Copenaghen o la cooperativa Karthago di Zurigo. In mostra sono presenti 21 modelli di grande formato di edifici residenziali comunitari, dove la separazione netta lascia spazio a una concezione dove la sfera pubblica e privata collidono e si amalgamano sempre di più e in modi inediti.

News
Milano Photo Week: magazine a confronto
Storytelling
Massimiliano Locatelli: con lo sguardo all’ingiù
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”