Blind sculpture - Marie Lelouche
News

Design e architettura: le mostre dell’estate

In estate, gli appuntamenti dedicati al design e all'architettura non si fermano, anzi. Protagonista del periodo estivo sarà ovviamente la Biennale Architettura di Venezia, con i suoi tanti progetti espositivi che interpretano il tema dell'edizione di quest'anno, Freespace.

Accanto alla Biennale però, ci saranno mostre ed eventi che offriranno una panoramica sugli intrecci creativi tra arte contemporanea, design e architettura, con incurisoni nella ceramica e nella scultura. Come Ceramics Now, la Biennale di Ceramica Contemporanea al Museo MIC di Faenza, oppure Extended Architectures, nuova mostra alla Galleria Alberta Pane di Venezia. Da non mancare poi, il progetto espositivo di David Chipperfield a Vicenza, per scoprire il suo approccio progettuale.

Ecco le mostre dell'estate 2018 da non perdere.

Faenza. Ceramics Now

Paolo Polloniato - Pieni a rendere
Sudarshan SHETty
Yanze Jiang

Da Ceramics Now, il concorso biennale di ceramica d'arte contemporanea, sono passati artisti come Lucio Fontana, Pietro Melandri, Guido Gambone e Carlo Zauli. Fondato nel 1934, è diventato nel corso degli anni uno dei maggiori appuntamenti dedicati alle intersezioni tra arte contemporanea, design e ceramica. Oggi, per i suoi 80 anni, è stato organizzato qualcosa di speciale: l'edizione di quest'anno si trasforma in una vera e propria Biennale della Ceramica Contemporanea Internazionale al Museo MIC di Faenza. A essere coinvolti sono oltre 50 artisti internazionali selezionati da 17 curatori d'eccezione, che presenteranno i risultati delle loro ultime ricerche. Un'esposizione che vuole fare il punto sullo stato della scultura ceramica oggi, offrendo un percorso immersivo e suggestivo attraverso il lavoro di artisti da tutto il mondo.

  • Dove: Faenza, MIC, fino al 7 ottobre 2018.

Milano. Osvaldo Borsani

Credits: 300 gli oggetti in mostra con le foto e gli schizzi che documentano il processo creativo di Osvaldo Borsani a La Triennale di Milano fino al 16 settembre - Foto @ Alto//Piano
Credits: Veduta sul soggiorno di Villa Borsani a Varedo, dalla sala da pranzo rialzata, affacciato sul giardino che accoglie l'edificio in stile razionalista - Foto @ Alto//Piano
Villa Borsani - Credits: Image Courtesy of Pietro Carrieri

Architetto, designer e imprenditore, Osvaldo Borsani fu una delle figure più visionarie del design italiano. Insieme al fratello gemello Fulgenzio, trasformò nel 1953 l'atelier di famiglia nell'azienda Tecno, diventando una delle realtà di riferimento nella produzione di mobili dell'Italia del Dopoguerra. Oggi, la Triennale di Milano lo omaggia con la più grande retrospettiva mai dedicatagli, curata da Norman Foster e Tommaso Fantoni. In mostra, oltre 300 oggetti ripercorrono la sua carriera, componendo un ritratto inedito della storia del design italiano.

  • Dove: Milano, Triennale, fino al 16 settembre 2018.

Venezia. Extended Architectures

Extended Architectures - Galleria Alberta Pane
Blind sculpture - Marie Lelouche
Esther Stocker_Alberta Pane Gallery

In occasione della 16. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia, la Galleria Alberta Pane presenta Extended Architectures, mostra collettiva che raccoglie i lavori delle artiste Luciana Lamothe, Marie Lelouche ed Esther Stocker. Attraverso installazioni site specific, sculture e griglie visive dipinte su tela, la mostra vuole esplorare il tema della costante comunione tra uomo e spazio. Luciana Lamothe riflette sull'interazione tra uomo e architettura realizzando sculture che coinvolgono gli spettatori, Marie Lelouche indaga la sovrapposizione delle soggettività nello spazio attraverso la sua Blind Sculpture, che unisce le scannerizzazioni tridimensionali e la scultura post-digitale, mentre Esther Stocker esplora la matematica esistenziale attraverso opere basate su un'apparente rigidità geometrica. Il risultato è uno sguardo corale sulle trasformazioni contemporanee del rapporto tra uomo e architettura.

  • Dove: Venezia, Galleria Alberta Pane, fino al 29 settembre 2018.
"David Chipperfield Architects Works 2018", Basilica Palladiana
"David Chipperfield Architects Works 2018", Basilica Palladiana
"David Chipperfield Architects Works 2018", Basilica Palladiana

David Chipperfield svela il suo modus operandi in una mostra che presenta 15 progetti realizzati dal suo studio negli ultimi anni. Un'esposizione che rinsalda il rapporto tra Chipperfield e l'Italia, da lui considerata come «la casa spirituale dell'architettura, dove si può comprendere pienamente l'importanza degli edifici non come singoli spettacoli, bensì come manifestazioni dei valori collettivi e scenari della vita quotidiana». Il percorso espositivo esplora la metodologia con cui l'architetto affronta ogni sfida progettuale, nonché il lavoro di team quotidiano con progettisti e consulenti. Un'occasione per scoprire come lavora uno degli studi di architettura più importanti al mondo.

  • Dove: Vicenza, Basilica Palladiana, fino al 2 settembre 2018.
Chen Haoru_ Pig Barn of the Taiyang O rganic Farming Commune - Credits: © Lu Hengzhong
Vatican Chapels - Terunobu Fujimori - Credits: Ph. Stefano Bonomelli

È la tappa obbligata dell'estate. La Biennale Architettura di Venezia, curata da Yvonne Farrell e Shelley McNamara, fa luce su quei progetti capaci di offrire spazio alle persone. Spazio libero e dedicato alla libertà come suggerisce il manifesto della Biennale Freespace. Immancabile il giro tra i padiglioni nazionali, con una visita al progetto espositivo Arcipelago Italia curato da Mario Cucinella per il Padiglione Italia, all'esposizione vincitrice del Leone D'Oro Svizzera 360: House Tour del Padiglione Svizzero, e al progetto espositivo Unless Ever People: Caritas for Freespace dello studio di architettura belga architecten de vylder vinck taillieu, a cui è stato assegnato il Leone D'Argento. Ma sono tantissimi i padiglioni e le mostre collaterali da non mancare. Le abbiamo raccolte qui. Un ottimo motivo per tornare a Venezia.

Brescia. Bertrand Lavier - Mathieu Mercier

Installation view from “Bertrand Lavier/Mathieu Mercier” at Galleria Massimo Minini, Brescia, 2018 Fourth Room - Credits: Courtesy Galleria Massimo Minini.
Installation view from “Bertrand Lavier/Mathieu Mercier” at Galleria Massimo Minini, Brescia, 2018 Third Room - Credits: Courtesy Galleria Massimo Minini.
Installation view from “Bertrand Lavier/Mathieu Mercier” at Galleria Massimo Minini, Brescia, 2018 Second Room - Credits: Courtesy Galleria Massimo Minini.

Indaga le interazioni tra l'arte contemporanea e gli oggetti la mostra dedicata a Bertrand Lavier e Mathieu Mercier della Galleria Massimo Minini di Brescia. Il primo, architetto, focalizza la propria ricerca sul rapporto tra arte e vita quotidiana mettendo in scena la trasformazione degli oggetti comuni in opere artistiche. L'altro invece, attribuisce un valore pratico all'arte visiva, riflettendo sulle relazioni tra gli oggetti e l'uomo nella società contemporanea. Le loro opere dialogano in un botta e risposta che suggerisce nuove prospettive per osservare il ruolo degli oggetti nella nostra vita quotidiana.

  • Dove: Brescia, Galleria Massimo Minini, fino al 24 settembre 2018.

Roma. Lo spazio di un continente.

DavidAdjaye - Brad Feinknopf
Mokena Makeka - MoDILA Museum
Jo Noero

È il continente più giovane e anche il più popoloso. Dell'Africa però, e soprattutto dell'architettura che ne sta trasformando il volto, si sa ancora troppo poco. A rimediare è il MAXXI di Roma con un evento - Lo spazio di un continente - che inviterà negli spazi del museo tre dei nomi più celebri del panorama dell'architettura africana: David Adjaye, Mokena Makeka e Jo Noero. Saranno loro a raccontare quella progettualità etica, sostenibile e innovativa che sta contribuendo a rivoluzionare alcune zone dell'Africa. Ad aprire il ciclo di incontri il 4 luglio è David Adjaye, seguito poi il 12 luglio da Mokena Makeka e il 19 luglio da Jo Noero.

  • Dove: Roma, MAXXI, il 4, 12 e 19 luglio 2018

Venezia. Casa IED

The macarons lamp - Aquini
Alba - Oluce - Mariana Pellegrino Soto
Testa di doge di Gregorio

A Venezia, Palazzo Franchetti è la location di Casa IED, l'iniziativa che presenta i lavori degli alunni dell'Istituto Europeo di Design di Milano allestiti in una zona giorno e una notte. Novità dell'edizione veneziana è l'esposizione dei lavori realizzati da alcuni docenti di IED Venezia tra cui Davide Aquini e gli Zaven - vincitori del premio per il design di Wallpaper -, Francesco Tencalla e Gaetano Di Gregorio. Una mostra da non mancare per scoprire i nuovi linguaggi del design.

  • Dove: Venezia, Palazzo Franchetti, fino al 23 settembre 2018

Milano. Cristian Chironi - Polychromy

Cristian Chironi, Poster tastiera colore Screziato III - Fiat 127 Special (Camaleonte) - Credits: courtesy dell'artista

Con la sua Fiat 127, l'artista nuorese Christian Chironi ha ripercorso le tappe dei viaggi italiani di Le Corbusier. Partito dal Museo Nivola di Orani di Nuoro, ora arriva a Milano per un progetto che unisce la dimensione spaziale, visiva e sonora: Polychromy. La Fiat 127 sosterà presso gli spazi di Marsèlleria offrendo al suo interno un vero e proprio viaggio attraverso le teorie di Le Corbusier. Insieme agli audio-documenti, nell'abitacolo si potrà ascoltare il progetto My sound is a Le Corbusier realizzato insieme a Francesco Brasini e altri musicisti, che raccoglie le composizioni registrate in varie abitazioni disegnate da Le Corbusier nel mondo. Una "macchina per abitare" capace di creare uno spazio di riflessione sociale e politico legato alle idee moderniste del grande architetto.

  • Dove: Milano, Marsèlleria, fino al 14 settembre 2018
Speciale Biennale
XSquare: il design contemporaneo incontra il comfort
News
Una corte verde sul Naviglio di Milano, firmata Stefano Boeri
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

La celebre seduta firmata dal progettista danese nel 1963 si rifà il look, optando per un connubio di pietra e compositi in fibra di carbonio
Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Si trova a Napoli, per la precisione nel quartiere di Chiaia, ed è costruito all’interno di una cava di tufo su sette livelli
Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Un’ossessione da collezionista per Batman. E per i mobili di Eileen Gray. Il più acclamato designer editoriale al mondo rivela le sue passioni e ispirazioni
Un laboratorio aperto all’Asilo Sant’Elia di Como

Un laboratorio aperto all’Asilo Sant’Elia di Como

L’architettura firmata dal progettista comasco Giuseppe Terragni ospita le opere di 18 giovani artisti. Per un solo giorno: giovedì 19 luglio dalle 16.00 alle 22.00
Design hotel a Firenze 


Design hotel a Firenze 


Nei pressi della Fortezza da Basso, M7 Contemporary Apartments mette insieme il comfort di una casa e i servizi dell’hotellerie tradizionale