Haris Epaminonda, Installationsansicht "VOL. XXIII", Secession, Wien, 2018 - Credits: Foto: Sophie Thun, Vienna, Courtesy: die Künstlerin, Rodeo London/Piraeus & Galleria Massimo Minini, Brescia
News

Marzo: le mostre di design e architettura

A marzo, le mostre di design e architettura punteggeranno l'Italia offrendo nuovi sguardi sul mondo del progetto e dell'arte contemporanea.

Per gli addetti al settore, tra le fiere clou del mese c'è sicuramente da annotare MADE expo alla Fiera di Rho di Milano (dal 13 al 16 marzo), il più grande appuntamento dedicato al mondo delle costruzioni e dell’architettura, mentre all'estero sarà la volta di Design Shanghai (dal 6 al 9 marzo) e di Collectible (dal 14 al 17 marzo), evento dedicato al design da collezione a Bruxelles.

Tantissime poi, le mostre da non perdere sparpagliate tra l'Italia e l'estero: a Milano, le riflessioni su materia e immaterialità dell'artista Alberto di Fabio saranno al centro del progetto espositivo In-Material presso il Gaggenau Design Elementi Hub, mentre al Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci di Prato si guarderà al futuro della città toscana con Verde Prato. Sperimentazioni urbane tra ecologia e riuso. A Udine invece, in occasione della Udine Design Week si esplorerà la progettualità di cinque designer e architetti che gravitano attorno alla città friulana.

Ecco le mostre e gli eventi da andare a vedere nel mese di marzo secondo Icon Design.

Franco Grignani, Dissociazione dal bordo, 1969, tempera acrilica - Credits: Collezione privata, Matteo Zarbo
Franco Grignani, Traliccio, 1938, Fotografia, stampa gelatina di bromuro d’argento su carta - Credits: Archivio Manuela Grignani Sirtoli, Matteo Zarbo

Fu lui a disegnare, nel 1963, il marchio della Pura Lana Vergine. Quel simbolo grafico, così semplice eppure così rappresentativo, proiettò Franco Grignani verso il successo. Architetto, pittore e grafico, esplorò le più varie commistioni cerative andando a delineare una poetica personalissima delle linee e dei colori. Oggi, a vent'anni dalla sua scomparsa, il m.a.x. museo di Chiasso gli dedica una mostra antologica che presenta il suo repertorio artistico attraverso circa 300 opere tra immagini fotografiche, opere pittoriche, logotipi e materiali originali legati alla grafica, fino alla comunicazione pubblicitaria e gli oggetti di design. Un pezzo di storia d'Italia in mostra.

  • Dove: Chiasso, museo m.a.x., fino al 15 settembre 2019.

Berlino. And Berlin Will Always Need You.

Nevin Aladağ, Paravent, - Credits: photo courtesy: the artist and Wentrup, Berlin
Julieta Aranda, "Ghost Nets", 2018 - Credits: Foto: David Díaz Medina, Courtesy: die Künstlerin
Haegue Yang Ausstellungsansicht "Chronotopic Traverses", La Panacée - MoCo, Montpellier, France, 2018 In Zusammenarbeit mit Manuel Raeder - Credits: Foto: Marc Domage, La Panacée - MoCo, Courtesy: die Künstler

Curata da Natasha Ginwala e Julienne Lorz, la mostra collettiva And Berlin Will Always Need you è la prima esposizione dell'anno del Gropius Bau, museo progettato nel 1881 da Martin Gropius, zio di Walter Gropius, che inaugura così i festeggiamenti per il centenario del movimento Bauhaus. Tema centrale del progetto espositivo è l'esplorazione dell'influenza dell'"art and craft" sulla scena dell'arte contemporanea berlinese. Il risultato è un percorso attraverso le tecniche artigianali utilizzate dagli artisti in una esplorazione dei loro significati nel contesto contemporaneo. Tra le opere esposte, le tele-ricamo di Olaf Holzapfel, le corde fatte a mano di Leonor Antunes e le installazioni di Chiharu Shiota e Haegue Yang. Un'immersione nella progettualità degli artisti berlinesi più visionari.

  • Dove: Berlino, Gropius Bau, dal 22 marzo al 16 giugno 2019.
Alberto di Fabio, Copia di Neuroni in oro, 2010, mosaico, 60x60 cm
Alberto di Fabio,
Alberto di Fabio, Copia di 2 Corpo Astrale Corpo Fisico, 2015 acrilico su tela, 200x130 cm

All'interno del ciclo espositivo In-Material, Gaggenau DesignElementi HUB di Milano presenta Trascendenza, la mostra personale dell'artista Alberto Di Fabio, a cura di Sabino Maria Frassà. Classe 1966, Alberto di Fabio indaga il legame tra materialità e immaterialità, e le sue opere sono state esposte nei musei più importanti del mondo. «Alberto Di Fabio è il pittore dell'infinito invisibile. È un artista che non si accontenta di dipingere il cielo così come lo vediamo, ma va oltre e analizza l'infinito, sia esso interiore che astrale», ha commentato Sabino Maria Frassà. «Del resto ogni categoria di analisi della realtà - dentro/fuori, piccolo/grande, noi/altri, presente/passato - è in realtà una costrizione - relativa e semplicistica - che la mente si impone per analizzare una realtà troppo complessa»

  • Dove: Milano, Gaggenau DesignElementiHub, fino al 5 aprile.

Design Shanghai

Hoii design
Huang Jing

Giunta alla sesta edizione, la fiera Design Shanghai è l'appuntamento di riferimento per addentrarsi nella creatività "made in China". Oltre alle presenze internazionali, la fiera vedrà la partecipazione di numerosi designer cinesi, con nomi da tenere d'occhio come Buzao, DEFRONT, Kun Design, ShengYin & KaiYi, Sozen, WUU e ziinlife. Novità dell'edizione di quest'anno sarà il padiglione The New Materials and Applications Hall, che presenterà le innovazioni più all'avanguardia nel campo dei materiali e del tessile. Anche quest'anno, AD China presenterà il AD Emerging designers Award che premierà i migliori talenti emergenti. Finalisti di quest'anno sono ABOVE Studio, Chen Shangyi, Dejawu Studio, Foam Studio, Hi thanks Bye, Hoii Design, Huang Jing, Mutopia, Re:Studio e THE SHAW Studio. Ad accompagnare la fiera saranno poi i talk del Design Shanghai Forum, con grandi nomi come Aldo Cibic, Jaime Hayon, Paola Navone e Konstatin Grcic.

  • Dove: Shanghai, Shanghai Exhibition Centre, dal 6 al 9 marzo 2019.
ToolsGalerie, Snarkitecture, Slip Chair - Credits: Ph. Root Studio
Giobagnara, Stéphane Parmentier, Scala 2 - Credits: Ph. Giobagnara Studio
Carla Baz, Monarch series, Table Lamps - Credits: Ph. Marco Pinarelli

A Bruxelles torna la seconda edizione di Collectible, fiera dedicata al design contemporaneo da collezione del 21esimo secolo. Fondata nel 2018 da Clélie Debehault e Liv Vaisberg, la kermesse si è posta fin da subito come una piattaforma globale per gallerie e designer affermati ma anche emergenti. Ed è così che a Palazzo Vanderborght, circa 100 espositori presenteranno i lavori dei designer che fondono arte, design e architettura creando opere visionarie. Grande novità di questa edizione sarà una sezione dedicata alle gallerie d'arte che esplorano la convergenza tra arte contemporanea e design. Inoltre, verrà presentato uno spazio dedicato alle scuole, tra cui la Design Academy di Eindhoven e il Royal College of Art di Londra.

  • Dove: Bruxelles, Palazzo Vanderborght, dal 14 al 17 marzo 2019.

Roma. Vincenzo Scolamiero. Della declinante ombra

Vincenzo Scolamiero - Della declinante ombra
Vincenzo Scolamiero - Come l'aria alla terra legati

È una pittura evocativa e raffinata quella di Vincenzo Scolamiero, artista tra i più noti della scena dell'arte contemporanea romana. E al Museo Bilotti di Roma, le sue opere sono ora al centro della mostra Della declinante ombra, a cura di Gabriele Simongini. I suoi lavori si dispiegano attraverso un percorso che attraversa il primo piano del Museo, la project room e la sala del Ninfeo al piano terra rivelando alcuni passaggi fondamentali dell'approccio creativo dell'artista, con l'esposizione del dittico su tela intitolato Mutevole canto e i quadri del ciclo Lascia parlare il vento. Centrale, nell'opera di Scolamiero, sono i riferimenti lirici a Rilke, a Celan, a Hölderlin, che impregnano le opere di introspezione e illuminazione poetica.

  • Dove: Roma, Museo Bilotti, dall'8 marzo al 9 giugno 2019.
Credits: MADE expo

Sotto il titolo Costruire connessioni. La qualità dell’abitare tra progettazione, realizzazione e mercati, torna MADE expo, la più grande fiera italiana dedicata al mondo delle costruzioni e dell’architettura. Dal 13 al 16 marzo, la fiera milanese di Rho presenterà un’ampia selezione di materiali, soluzioni e sistemi per la progettazione, il cantiere e l’edilizia, serramenti, sistemi di involucro, soluzioni outdoor e di schermatura dalla luce. Tema cardine dell'edizione di quest'anno sarà la qualità dell’abitare, con un focus sulla rigenerazione urbana e infrastrutturale, oltre che su comfort, sicurezza, sostenibilità e innovazione.

  • Dove: Fiera Milano Rho, dal 13 al 16 marzo 2019.

Udine. Variabile M.

Variabile M - Credits: ph: Dario Rizzo
Variabile M - Credits: ph: Davide Ronco
Variabile M - Credits: ph: Davide Ronco

Durante la terza edizione della Udine Design Week, si inaugura una mostra collettiva dedicata all'arte di progettare la sedia: Variabile M, a chairs’collective monologue about materials, che raccoglie le riflessioni di cinque diversi autori che gravitano attorno al territorio udinese, ovvero Pablo Dorigo, Klaus Lichtenegger, Davide Ronco, Alessandro Ronco e Umberto Villa. Tra architettura, design e artigianato, la mostra presenta sei progetti sulla seduta che descrivono e rappresentano processi ed espressioni individuali unendosi in una narrazione collettiva. Parlando delle necessità espressive degli autori che li firmano, le sedie in esposizione raccontano le esigenze della nuova cultura industriale che si sta formando. Una mostra che aiuta a capire quanto il compito dei progettisti sia quello di immaginare le infinite riletture possibili della società e del contesto contemporanei.

  • Dove: Udine, Lino’s & Co., fino al 7 marzo 2019

Prato. Verde Prato. Sperimentazioni urbane tra ecologia e riuso

Fernando Guerra, Città di Prato, 2017. © Fernando Guerra.
Maurizio Montagna, Paregon, 2018. © Maurizio Montagna.
Stefano Boeri Architetti - Immagine dall'Action Plan per la Forestazione Urbana di Prato.

Con un passato industriale ormai archiviato, Prato sta vivendo una fase di rigenerazione e riappropriazione del patrimonio architettonico legato alla produzione tessile cittadina. Una trasformazione che non coinvolge soltanto le periferie della città, ma l'intero tessuto urbano. Ad analizzare le prospettive future è la mostra Verde Prato. Sperimentazioni urbane tra ecologia e riuso, a cura di Elisa Cristiana Cattaneo ed Emilia Giorgi, in scena al Centro per l 'arte contemporanea Luigi Pecci. Cuore della mostra è il Piano Operativo del Comune di Prato insieme alla molteplicità di operazioni e strategie attuate negli ultimi anni per la ridefinizione della città. Un progetto sperimentale che nasce dalla collaborazione dell’Ufficio di Piano del Comune di Prato con grandi esperti come l'architetto Stefano Boeri e lo scienziato Stefano Mancuso. In mostra disegni, fotografie, progetti, mappe e video in una profonda riflessione sul futuro della città.

  • Dove: Prato, Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci, dal 19 marzo all'11 aprile 2019.