Carwan Gallery, Omer Arbel, Bronze, 2020,
Galleria Luisa Delle Piane, Space Caviar Studio, HQB LAMP
Giustuni Stagetti, Carlo Scarpa, Mod. 1359 'Conchiglia' plate, c.1942
Magazzino, Domenico Mangano & Marieke van Rooy, Elght Proposals for a Mental Architecture, 2017
Maniera Jonathan Muecke Wooden Light 2019
Massimo De Carlo Carsten Holler Giant Triple Mushroom
Mercado Moderno Mameluca Studio Special edition Cafofo
Thomsen Gallery, Tanabe Chikuunsai IV, Connection, 2005
News

La terza edizione di Nomad a St. Moritz

In Engadina è tutto pronto per la terza edizione di Nomad, la rassegna itinerante di design da collezione e in edizione limitata, in scena dal 6 al 9 febbraio 2020.

Nel contesto della residenza alpina Chesa Planta, a Samedan, vicino alla celebre Sankt Moritz, verranno esposte opere rare – alcune mai viste – di artisti e designer contemporanei e del XX secolo. Protagoniste saranno 17 gallerie da tutto il mondo, selezionatissime come sempre, oltre ad alcuni progetti speciali che verranno presentati proprio in questa occasione.

Tanti gli highlight di questa edizione, tra cui la presentazione in anteprima assoluta da parte di Iwan Maktabi di Orientations, la nuova collezione di tappeti realizzati a mano dallo studio libanese David/Nicolas. Per la sua prima partecipazione a un evento internazionale, The Invisible Collection ha curato invece Le Salon, un'installazione immersiva che include opere di Pierre Yovanovitch, Ron Arad e Charles Zana.

L'artista e designer canadese Omer Arbel, fondatore del brand di illuminazione Bocci (qui la nostra intervista), svelerà invece una nuova linea di vasi dalle forme scultoree realizzati per la Carwan Gallery. La galleria newyorkese Thomsen Gllery si focalizzerà invece sulla tecnica tradizionale giapponese dell'intreccio dei cestini, con una serie di lavori in bambù affiancati da antichi vari in ceramica. Lo studio Draga & Aurel presenterà poi Mimetic Sculptures, un'installazione site-specific ispirata al tema del teatro e del dialogo, mentre Massimo de Carlo esporrà per la prima volta in un contesto alpino il Giant Triple Mushroom di Carsten Holler.

Grande attenzione sarà rivolta alle creazioni in vetro: tra le novità per il 2020, le edizioni uniche di FOS del Mountain Vase realizzate per Etage Projects; le opere di John Armleder realizzate a Murano, Venezia, insieme al maestro del vetro Silvano Signoretto; oltre ai lavori di Vittorio Zecchin e Carlo Scarpa presentati dalla galleria romana Giustini Stagetti.

Veri protagonisti saranno però i grandi maestri del design italiano: la collezione La Tavola degli Elementi di Piero Lissoni per Alpi sarà esposta per la prima volta in un evento internazionale dalla galleria milanese Luisa Delle Piane, mentre le lampade HQB dello studio Space Caviar debutteranno anche fuori Milano e saranno esposte accanto a mobili anni '70 di Andrea Branzi e opere degli anni '70 e '90 di Riccardo Dalisi. Fornasetti infine metterà in scena il Libri trumeau, la prima opera nata dalla collaborazione con Gio Ponti.