Il nuovo spazio di Martina Simeti, in via Tortona 4
Sylvie Auvray, Senza titolo, 2018. Argento, bronzo, vernice, pietre semi preziose. Pezzo unico.
Ligia Dias, CESAR, 2018, resina e foglia d’oro. Ed. 5
Shilpa Gupta, Don’t steal my happyness. 2007. Legno, diamanti, oro, velluto, satin. Ed. 3.
GianCarlo Montebello, Stringa, 1981. Polimero rosso, puntali in oro giallo 750
Bernhard Schobinger. Spoon Bracelet. 1991, Argento, Smalto. Pezzo unico.
Grazia Varisco, Colletto, 1980. Alluminio, puntina da disegno. Pezzo unico
Betony Vernon, Finger Ring, 1999, Sterling Silver (925)
News

A Milano un nuovo spazio tra arte e design

Da ex laboratorio di argenteria a luogo dove arte e design si incontrano. L’idea è di Martina Simeti, che a Milano, in via Tortona al numero 4, apre le porte del suo nuovo spazio espositivo. Uno spazio di circa 130 metri quadri, su un cortile affacciato al pianterreno, dedicato alle produzioni che si collocano ai confini tra arte, manufatto e design, nato per ospitare mostre e residenze di artisti internazionali.

L'obiettivo della galleria, scelta per la sezione Curio di Design Miami, è quello di dare spazio alle commistioni lavorando su diversi campi di applicazione, dove l'elemento concettuale diventa arte applicata, fino al design. In occasione dell’inaugurazione, che anticipa la programmazione futura dello spazio, da martedì 25 settembre Martina Simeti presenta Même pas peur, una selezione di “body ornaments" tra pezzi unici, multipli, in edizione limitata oppure non in numero. 

«È un invito a un appuntamento al buio, senza certezze formali, dove il concettuale, il sensoriale e il tecnico si intrecciano in una riflessione sui legami tra ornamenti corporei e arte», spiega Martina Simeti. «Non al fine di individuare un denominatore comune, ma con lo scopo di pensare alle diverse prospettive che portano queste realtà a fondersi in contesti sempre diversi; e riflettere sull'evoluzione delle categorie e dei confini dell’arte».

In mostra ci saranno opere di Sylvie Auvray, Friedrick Becker, Ligia Dias, Aboubakar Fofana, Shilpa Gupta, GianCarlo Montebello, Viola Pisenti, Bernhard Schobinger, Francesco Simeti, Grazia Varisco e Betony Vernon.