Valentine, macchina da scrivere con valigetta, design Ettore Sottsass e Perry A. King, 1968 - Credits: Olivetti
Tekne 3, macchina da scrivere elettrica, design Ettore Sottsass e Hans Von Klier, 1964 - Credits: Olivetti
Praxis 48, macchina da scrivere elettrica, design Ettore Sottsass e Hans von Klier, 1965 - Credits: Olivetti
Valentine, adv di Milton Glaser, 1970 - Credits: Olivetti
Manifesto, 1983 - Credits: Olivetti
Profili delle fabbriche, 1956, locandina di Giovanni Pintori - Credits: Olivetti
Linea di collaudo delle macchine da scrivere portatili Lettera 22 nello stabilimento di Agliè, 1958 - Credits: Olivetti
Centro di ricerche Olivetti per le tecnologie avanzate a Cupertino, California, 1982 - Credits: Olivetti
News

Buon compleanno Olivetti

Una carrellata di oltre 300 pezzi unici tra oggetti, manifesti e fotografie d’epoca. Per i suoi 110 anni di attività, Olivetti ha deciso di raccontarsi alla Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea di Roma.

Dal 20 febbraio al 1 maggio, l’azienda che ha segnato la storia del design, della grafica, dell’innovazione tecnologica e della comunicazione in Italia presenta Looking Forward. Olivetti: 110 di immaginazione. Quello curato da Ilaria Busoni, Manolo De Giorgi e Nicolas Martino, in collaborazione con l’Associazione Archivio Storico Olivetti, è un percorso espositivo che vuole essere un omaggio non nostalgico alla tradizione olivettiana.

La mostra presenta più di 150 scatti tra stampe fotografiche originali, inedite e in maggior parte mai esposte prima di maestri come Henri Cartier-Bresson, Gianni Berengo Gardin, Ugo Mulas, Francisc Català Roca e Fulvio Router. A queste si aggiungono decine di manifesti targati Olivetti e una collezione di locandine pubblicitarie di Giovanna Pintori realizzate tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio dei Sessanta.

Non mancano poi i prodotti icona dell’azienda: dalla M1, la prima macchina da scrivere, alla Lettera22, la P101 e la Valentine di Ettore Sottsass e Perry A. King. Fino ad arrivare alle incursioni nel digitale, con Form200, il registratore di cassa connesso e primo prodotto realizzato tramite il concorso per giovani progettisti Olivetti Design Contest.

«Olivetti ha scritto pagine importanti della storia industriale, con la sua capacità visionaria di anticipare il futuro, cambiando la vita di intere generazioni e il concetto di impresa attraverso scelte etiche coraggiose e una profonda coscienza della morale sociale», ha dichiarato Riccardo Delleani, amministratore delegato di Olivetti. «La bellezza degli oggetti e delle immagini presentati in questa mostra rappresenta una delle forme più visibili dei valori di questa esperienza con l’obiettivo di dare ai visitatori stimoli vitali per guardare avanti con l’aiuto di una grande storia».

News
Homo Fluxus, un viaggio nei primi anni Settanta

News
diptyque raddoppia a Roma
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi