Casa Morrissey, progetto di Bla Architettura - Credits: Open House Torino
Casa Morrissey, progetto di Bla Architettura - Credits: Open House Torino
Casa Madam, progetto di studio Unduo - Credits: Open House Torino
Casa Madam, progetto di studio Unduo - Credits: Open House Torino
Giardino Segreto, progetto di Cristiana Ruspa - Credits: Open House Torino - Ph.
News

Open House Torino, la seconda edizione

111 luoghi aperti, oltre 16mila partecipanti, 38mila visite. Questi i numeri della prima edizione di Open House Torino, che quest’anno farà il bis il fine settimana del 9 e 10 giugno, subito dopo Milano e Roma.

Per l’occasione apriranno le porte architetture e luoghi generalmente non accessibili al pubblico. Tra appartamenti privati, parchi e giardini, palazzi storici e torri contemporanee, uffici e scuole, Open House Torino si pone l’obiettivo di svelare ai torinesi e ai turisti la città sconosciuta e le sue bellezze più nascoste.  

Le visite sono gratuite e sono organizzate in modo diverso nei diversi luoghi aperti: hanno in genere una cadenza regolare (ogni 20-30 minuti) e in alcuni casi sono condotte dagli stessi progettisti, così da soddisfare le curiosità dei visitatori.

Il palinsesto è attualmente in fase di definizione, come ha dichiarato Luca Ballarini, fondatore e presidente di Open House Torino: «Stiamo lavorando per offrire una seconda edizione di Open House ancora più ricca della prima: intendiamo dimostrare che il primato dell'esordio ha basi solide».

Tra le novità di Open House Torino 2018 già confermate ci sono un appartamento privato nella Casa Neogotica di San Salvario, il dietro le quinte del Café Müller, nuovo spazio per gli spettacoli di Cirko Vertigo, e il Giardino Segreto, studio d'architettura specializzato in paesaggio. Saranno inoltre visibili alcuni degli spazi che hanno avuto maggior successo lo scorso anno: gli hotel NH Carlina e il Duparc Contemporary Suites, le case-studio di professionisti come Zucca Architettura Factory e Studio Carlo Ratti Associati, il Palazzo della Luce, luoghi cult come il Dancing Le Roi, disegnato da Carlo Mollino, e case da scoprire nei cortili degli isolati, tra cui Casa Okumè e La Casa tra gli alberi.

Places
Una gelateria di design, a Milano
Products
Barragán living
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

La celebre seduta firmata dal progettista danese nel 1963 si rifà il look, optando per un connubio di pietra e compositi in fibra di carbonio
Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Si trova a Napoli, per la precisione nel quartiere di Chiaia, ed è costruito all’interno di una cava di tufo su sette livelli
Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Un’ossessione da collezionista per Batman. E per i mobili di Eileen Gray. Il più acclamato designer editoriale al mondo rivela le sue passioni e ispirazioni
Un laboratorio aperto all’Asilo Sant’Elia di Como

Un laboratorio aperto all’Asilo Sant’Elia di Como

L’architettura firmata dal progettista comasco Giuseppe Terragni ospita le opere di 18 giovani artisti. Per un solo giorno: giovedì 19 luglio dalle 16.00 alle 22.00
Design hotel a Firenze 


Design hotel a Firenze 


Nei pressi della Fortezza da Basso, M7 Contemporary Apartments mette insieme il comfort di una casa e i servizi dell’hotellerie tradizionale