Veduta della mostra “Ok, you are better than me, so what?”, Galerie Perrotin, New York, 2013 - Credits: Ph. Guillaume Ziccarelli - Courtesy Galerie Perrotin
“Look at me!”, 2016 - Credits: Courtesy Galerie Perrotin
“Yee-Haw”, 2015 - Credits: Ph. Hugo Glendinning - Courtesy Galerie Perrotin
“Untitled (zebras)”, 2003 - Credits: Ph. Austin Kennedy / Paper Scenery - Courtesy: l'artista - Galerie Perrotin & Friends of the High Line
“Untitled (zebras)”, 2003 - Credits: Ph. Austin Kennedy / Paper Scenery - Courtesy: l'artista - Galerie Perrotin & Friends of the High Line
“One cup of cappuccino then I go”, 2007 - Credits: Ph. Hugo Glendinning - Courtesy Galerie Perrotin
Ma'am, veduta dell'installazione, Dallas Contemporary, Dallas, USA - Credits: Ph. Kevin Todora - Courtesy Massimo De Carlo, Milan/London/Hong Kong and Galerie Perrotin
Ma'am, veduta dell'installazione, Dallas Contemporary, Dallas, USA - Credits: Ph. Kevin Todora - Courtesy Massimo De Carlo, Milan/London/Hong Kong and Galerie Perrotin
Ma'am, veduta dell'installazione, Dallas Contemporary, Dallas, USA - Credits: Ph. Kevin Todora - Courtesy Massimo De Carlo, Milan/London/Hong Kong and Galerie Perrotin
News

Paola Pivi in mostra alla Rinascente di Milano

Dal 29 marzo al 9 aprile le otto vetrine della Rinascente affacciate su piazza Duomo si trasformano in un invito a entrare nell’universo di Paola Pivi, surreale e governato dalle leggi dell’assurdo: «Un sogno ad occhi aperti, dove tutto è possibile».

L’artista milanese, in occasione di Miart, della Art Week, e del Salone Internazionale del Mobile, presenta I am tired of eating fish, progetto site-specific dove arte e design si incontrano fino a collidere. Un’opera radicale che mette in scena negli storici spazi dello store meneghino una dimensione straniante in bilico tra realtà e allucinazione, raccontando storie remote e realtà (quasi) quotidiane.

Con questo progetto vibrante Paola Pivi si aggiunge alla lunga lista di artisti e designer del panorama internazionale coinvolti dalla Rinascente, tra cui John Armleder, Hella Jongerius, Martino Gamper e Olafur Eliasson.

Places
Cantina Les Crêtes, un rifugio per amanti del vino
Places
Una palafitta in alta quota, in Canada
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Sulla torre di Gio Ponti

Sulla torre di Gio Ponti

Sobrio, elegante. Innovativo, ma in armonia con il contesto. A Milano, il primo grattacielo italiano ha un’anima swing e segna l’ultima collaborazione tra Lancia e Ponti
I cani di Elliott Erwitt in mostra a Treviso

I cani di Elliott Erwitt in mostra a Treviso

Casa dei Carraresi ospita un grande percorso espositivo dedicato a un tema tanto caro al fotografo americano, quello degli amici a quattro zampe
Un tour di architettura in compagnia di Kengo Kuma


Un tour di architettura in compagnia di Kengo Kuma


A Tokyo, l’architetto giapponese condivide l'ispirazione 
per la realizzazione del Tokyo 2020 Stadium. Un’esperienza targata Airbnb
Il lessico kantiano secondo l

Il lessico kantiano secondo l'information design: Valerio Pellegrini

Da Wild Mazzini, la prima galleria dedicata interamente all'information design, va in scena un progetto che unisce la filosofia alla rappresentazione visiva dei dati
The Venice Glass Week 2018

The Venice Glass Week 2018

Torna il festival internazionale dedicato all’arte vetraria, con 180 appuntamenti tra mostre, visite guidate, conferenze e workshop