Veduta della mostra “Ok, you are better than me, so what?”, Galerie Perrotin, New York, 2013 - Credits: Ph. Guillaume Ziccarelli - Courtesy Galerie Perrotin
“Look at me!”, 2016 - Credits: Courtesy Galerie Perrotin
“Yee-Haw”, 2015 - Credits: Ph. Hugo Glendinning - Courtesy Galerie Perrotin
“Untitled (zebras)”, 2003 - Credits: Ph. Austin Kennedy / Paper Scenery - Courtesy: l'artista - Galerie Perrotin & Friends of the High Line
“Untitled (zebras)”, 2003 - Credits: Ph. Austin Kennedy / Paper Scenery - Courtesy: l'artista - Galerie Perrotin & Friends of the High Line
“One cup of cappuccino then I go”, 2007 - Credits: Ph. Hugo Glendinning - Courtesy Galerie Perrotin
Ma'am, veduta dell'installazione, Dallas Contemporary, Dallas, USA - Credits: Ph. Kevin Todora - Courtesy Massimo De Carlo, Milan/London/Hong Kong and Galerie Perrotin
Ma'am, veduta dell'installazione, Dallas Contemporary, Dallas, USA - Credits: Ph. Kevin Todora - Courtesy Massimo De Carlo, Milan/London/Hong Kong and Galerie Perrotin
Ma'am, veduta dell'installazione, Dallas Contemporary, Dallas, USA - Credits: Ph. Kevin Todora - Courtesy Massimo De Carlo, Milan/London/Hong Kong and Galerie Perrotin
News

Paola Pivi in mostra alla Rinascente di Milano

Dal 29 marzo al 9 aprile le otto vetrine della Rinascente affacciate su piazza Duomo si trasformano in un invito a entrare nell’universo di Paola Pivi, surreale e governato dalle leggi dell’assurdo: «Un sogno ad occhi aperti, dove tutto è possibile».

L’artista milanese, in occasione di Miart, della Art Week, e del Salone Internazionale del Mobile, presenta I am tired of eating fish, progetto site-specific dove arte e design si incontrano fino a collidere. Un’opera radicale che mette in scena negli storici spazi dello store meneghino una dimensione straniante in bilico tra realtà e allucinazione, raccontando storie remote e realtà (quasi) quotidiane.

Con questo progetto vibrante Paola Pivi si aggiunge alla lunga lista di artisti e designer del panorama internazionale coinvolti dalla Rinascente, tra cui John Armleder, Hella Jongerius, Martino Gamper e Olafur Eliasson.

Places
Cantina Les Crêtes, un rifugio per amanti del vino
Places
Una palafitta in alta quota, in Canada
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Bijoy Jain: "L’architettura è un mezzo attraverso cui esprimo il lavoro"

Bijoy Jain: "L’architettura è un mezzo attraverso cui esprimo il lavoro"

Il fondatore di Studio Mumbai fa dello strumento creativo una libera scelta. Attraverso l’architettura, la creazione di arredi e l’arte, lavora solo a una condizione: prendere il tempo necessario per fare ricerca e pensare
I cinque articoli più letti del 2018

I cinque articoli più letti del 2018

Le nuove aperture tra design, arte e food; le novità in fatto di sedute, lampade e tavoli; le tendenze per l’arredo bagno. Ecco la classifica degli contenuti più letti durante l’anno
Museo Ferrari: raccontare il mito

Museo Ferrari: raccontare il mito

In occasione del 120° anniversario della nascita di Enzo Ferrari, il museo di Maranello presenta due mostre che ripercorrono la storia dell'azienda. Ma non solo: anche un restyling del museo firmato Benedetto Camerana
Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Nasce da un’idea del gruppo alberghiero francese AccorHotels, con il progetto del designer francese. Per montarlo basta mezza giornata
Arredare con il legno

Arredare con il legno

Tavoli, tavolini, sedie, sgabelli e molto altro. Da scoprire nel servizio fotografico di Jeremias Morandell con il set design di Martina Lucatelli