Simone Crestani - Eterea console table - Credits: ©A lberto Parise
deamicisarchitetti - il tavolo OTTO
Bitossi Ceramiche - Credits: Foto: ©Delfino Sisto Legnani
Constance Guisset - Apollo lamp - Credits: ©Constance Guisset Studio
Dirk Vander Kooij - Menhir Bench - Credits: © courtesy Dirk Vander Kooij
GHIDINI1961 - Dusk Dawn table lamp by Branch Creative - Credits: © courtesy of GHIDINI1961
Nika Zupanc_Loyalty Cabinet for Sé London - Credits: © courtesy of Nika Zupanc
Complesso di San Domenico Maggiore - Credits: Foto: ©Bianca Hirata
Nayef Francis - Cul de Sac - Credits: © Karen & Josette
News

Parte Edit Napoli, la fiera dedicata al design d’autore

A Napoli, presso il Complesso di San Domenico Maggiore, va in scena dal 7 al 9 giugno una novità: Edit, una piccola fiera che racconta il design d'autore immergendolo nella storia e nella cultura partenopea.

Ideata e curata da Domitilla Dardi ed Emilia Petruccelli, Edit presenta 60 espositori internazionali – si va da nomi noti fino ai talenti emergenti – creando connessioni tra produttori, designer, artigiani, architetti, buyer e rivenditori. Focus della fiera è il design autoriale, che fonde design e artigianato in creazioni sospese nel tempo, espressione del linguaggio personalissimo di designer, artisti e artigiani.

Un esperimento coraggioso, quello di Edit: rilanciare la città di Napoli, da sempre maestra del fare e del creare con le mani, rendendola un punto di riferimento italiano nel design d'autore, sensibile interprete dei nostri tempi.

Tra i designer che parteciperanno a questa prima edizione, alcuni dei nomi più conosciuti della scena internazionale, tra cui la product e interior designer francese Constance Guisset, la designer slovena Nika Zupanc, l’artista italiano del vetro Simone Crestani, il designer Andrea Anastasio, lo studio milanese deamicisarchitetti, il designer libanese Nayef Francis e i designer olandesi Dirk Vander Kooij e Max Lipsey. Tra le aziende partecipanti, invece, saranno presenti GHIDINI1961, De Castelli e Bitossi Ceramiche. La fiera presenterà inoltre alcune collaborazioni inedite, tra cui Gum Design con Alfaterna Marmi, Daniele Della Porta con B Beds 1967, BCXSY con Laboratorio Morseletto, e Elisa Ossino con Nesite. Sarà poi una commissione di esperti - composta da Giulio Cappellini, David Alhadeff, Esra Lemmens, Alessandro Valenti e Francesco Tuccillo – a premiare il miglior progetto inedito.

A intessere il legame tra i partecipanti internazionali e la città è il programma di residenze, che ha portato i designer Khaled El Mays, Reinaldo Sanguino e Faberhama a collaborare con alcuni mastri artigiani campani, mentre durante la fiera andranno in scena gli EDIT Talks, una serie di incontri a cura del critico e curatore Marco Petroni sul tema della cultura gastronomica partenopea, ed EDIT Table by Food Confidential, a cura di Nerina Di Nunzio, una piattaforma che avvicina chef, pizzaioli, pasticcieri e imprenditori al mondo del design.

All'interno del Complesso ci sarà spazio anche per la mostra ispirata a Memphis Indie Rock: The New New Wave presentata da Pamono, che celebrerà lo spirito indipendente di una selezione di design-maker: Antonio Aricò, Yasmine Bawa, Bloc Studios, Serena Confalonieri, Eligo, JCP, Portego, Purho, Secolo, Elisa Strozyk, Wall&Decò.

Infine, a rendere tutto ancora più dolce sarà il corner Pasticceria Scaturchio 1906, disegnato dall’architetto Giuliano Andrea dell’Uva, che attenderà i visitatori nel cortile del Complesso. Qui il programma della rassegna.