Passaggio della Vittoria - Credits: Courtesy Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, Napoli - Foto: © Amedeo Benestante
News

Paul Thorel per Mutina for Art

Il suo è uno sguardo mobile e immersivo, che scompone le immagini per trasformarle in figure diffuse e rarefatte, riconoscibili soltanto a distanza. Del resto, Paul Thorel, artista londinese classe 1956, ama osservare le cose così, da lontano:«se ti avvicini troppo, non vedi», ripete.

A nascere sono opere che disintegrano lo scatto fotografico in tratti digitali che interagiscono con l'occhio umano per dare vita a forme e colori quasi onirici. Un approccio artistico che invita a sentire più che a capire:«Non essere troppo lucido, perdere la concentrazione, percepire anziché guardare, lasciare posto alle apparizioni, sono fra gli elementi della mia ricerca e sono parte integrante dei miei strumenti di lavoro al pari della macchina fotografica e del computer», racconta.

Oggi, questa sua visione viene applicata all'arte del mosaico in un'opera site specific permanente realizzata appositamente per il Museo Madre di Napoli: Passaggio della Vittoria, un grande mosaico in grès porcellanato e smaltato che riveste le quattro pareti di passaggio tra il cortile centrale del museo e il cortile delle sculture. Un progetto che si inserisce nel contesto dell'iniziativa Dialogue di Mutina for Art, con cui l'azienda modenese Mutina promuove e supporta i progetti artistici che utilizzano la ceramica in modo sperimentale.

In questo caso, l'arte fotografica di Paul Thorel si intreccia a quella del mosaico: con una dimensione di 150 mq, Passaggio della Vittoria si compone di 1.832.400 tessere mosaiche di un centimetro quadrato - decorate a freddo con tecniche digitali – che disegnano onde, movimenti e colori.

Ispirata al mosaico bianco che ricopre la volta della Galleria della Vittoria di Napoli – una delle prime grandi opere urbane realizzate dal Regime Fascista – Passaggio della Vittoria prende come punto di partenza centinaia di fotografie di vedute marine, tra i temi ricorrenti nell'opera di Thorel, da anni affezionato alll’isola di Panarea. Attraverso la forma del mosaico, Thorel restituisce matericità ai pixel che compongono le sue fotografie, suggerendo in modo scomposto i raggi del sole e i riflessi dell'acqua. Il ricordo e la memoria prendono forma in un'opera suggestiva e visionaria.

Paul Thorel - Credits: Courtesy Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, Napoli - Foto: © Amedeo Benestante
Passaggio della Vittoria - Credits: Courtesy Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, Napoli - Foto: © Amedeo Benestante
Passaggio della Vittoria - Credits: Courtesy Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, Napoli - Foto: © Amedeo Benestante
Passaggio della Vittoria - Credits: Courtesy Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, Napoli - Foto: © Amedeo Benestante
Passaggio della Vittoria - Credits: Courtesy Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, Napoli - Foto: © Amedeo Benestante
Passaggio della Vittoria - Credits: Courtesy Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, Napoli - Foto: © Amedeo Benestante
News
Una grande retrospettiva dedicata a Gio Ponti, a Parigi
News
Il giovane Carlo Scarpa e il vetro
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

La celebre seduta firmata dal progettista danese nel 1963 si rifà il look, optando per un connubio di pietra e compositi in fibra di carbonio
Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Si trova a Napoli, per la precisione nel quartiere di Chiaia, ed è costruito all’interno di una cava di tufo su sette livelli
Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Un’ossessione da collezionista per Batman. E per i mobili di Eileen Gray. Il più acclamato designer editoriale al mondo rivela le sue passioni e ispirazioni
Un laboratorio aperto all’Asilo Sant’Elia di Como

Un laboratorio aperto all’Asilo Sant’Elia di Como

L’architettura firmata dal progettista comasco Giuseppe Terragni ospita le opere di 18 giovani artisti. Per un solo giorno: giovedì 19 luglio dalle 16.00 alle 22.00
Design hotel a Firenze 


Design hotel a Firenze 


Nei pressi della Fortezza da Basso, M7 Contemporary Apartments mette insieme il comfort di una casa e i servizi dell’hotellerie tradizionale