Rooze-Mabada [Per una Giornata di Pioggia] - Installation View - Credits: Foto: Delfino Sisto Legnani e Agnese Bedini per DSL Studio
Rooze-Mabada [Per una Giornata di Pioggia] - Installation View - Credits: Foto: Delfino Sisto Legnani e Agnese Bedini per DSL Studio
Rooze-Mabada [Per una Giornata di Pioggia] - Installation View - Credits: Foto: Delfino Sisto Legnani e Agnese Bedini per DSL Studio
Rooze-Mabada [Per una Giornata di Pioggia] - Installation View - Credits: Foto: Delfino Sisto Legnani e Agnese Bedini per DSL Studio
Rooze-Mabada [Per una Giornata di Pioggia] - Installation View - Credits: Foto: Delfino Sisto Legnani e Agnese Bedini per DSL Studio
Rooze-Mabada [Per una Giornata di Pioggia] - Installation View - Credits: Foto: Delfino Sisto Legnani e Agnese Bedini per DSL Studio
Rooze-Mabada [Per una Giornata di Pioggia] - Installation View - Credits: Foto: Delfino Sisto Legnani e Agnese Bedini per DSL Studio
Rooze-Mabada [Per una Giornata di Pioggia] - Installation View - Credits: Foto: Delfino Sisto Legnani e Agnese Bedini per DSL Studio
Rooze-Mabada [Per una Giornata di Pioggia] - Installation View - Credits: Foto: Delfino Sisto Legnani e Agnese Bedini per DSL Studio
News

Per una giornata di pioggia: la scena artistica iraniana in mostra a Milano

Tra le stanze irregolari di Palazzo Durini e del suo Giardino Segreto, spazio espositivo ed editoriale in pieno centro a Milano, si snodano i percorsi della mostra Rooze-Mabada [Per una Giornata di Pioggia], in scena fino al 15 novembre.

Curata da Gea Politi e Daniele Balice e realizzata in collaborazione con la ITC Ethical Fashion Initiative e l’Unione Europea con la media partneship di Flash Art, ha come protagonista un gruppo di artisti iraniani che qui presenta le proprie opere ai confini tra il video, la scultura, l'installazione, la pittura e la performance.

Il titolo richiama un’espressione tipica iraniana che descrive un atteggiamento malinconico e intriso di tristezza, che in questo caso vuole riassumere metaforicamente la relazione tra la cultura iraniana e la sua concezione del tempo e del futuro. Associata al conflitto tra Iran e Iraq, la cultura del rooze-mabada è stata raccontata da scrittori e musicisti: “Ogni giorno è rooze-mabada con te”, disse il poeta Qeysar Aminpour. Un blues che accompagna e colora le opere in esposizione.

Gli artisti selezionati arrivano da contesti e generazioni diverse: c'è Manoucher Yektai, esponente ultraottantenne della scuola di New York, c'è il trentenne Mostafa Sarabi con la sua pittura primitiva, c'è la scrittura e i readings di Shabahang Tayyari e ci sono le opere di Behjat Sadr, che fu pioniera nelle arti visive in Iran. Alcuni di loro abitano all'estero, come Hadi Fallahpisheh, che vive e lavora a New York, oppure Yalda Afsah, che è di Berlino, mentre altri abitano in Iran, come Ali Meer Azimi, che crea installazioni tra tecnologia e materiali di recupero.

Senza alcuna pretesa di essere esaustiva, la mostra cerca di raccontare la vivace scena artistica iraniana, così poco conosciuta in occidente, presentandone gli esponenti più rappresentativi di ieri e di oggi.