Il collage fotografico raffigurante la facciata storica del museo realizzato da JR cela la piramide di vetro - Credits: © JR-ART.NET
L'ultima sfida dell'artista francese è far scomparire la piramide, simbolo del musei - Credits: © JR-ART.NET
Con i suoi ritratti in bianco e nero ha tappezzato le pareti di tutto il mondo - Credits: © JR-ART.NET
Per esporre le sue opere JR sceglie la galleria a cielo aperto più grande del mondo: gli spazi pubblici - Credits: © JR-ART.NET
L'esibizione JR au Louvre sarà in mostra fino al 27 giugno - Credits: © Jérémy Schneider
News

L’artista francese JR cancella la piramide del Louvre

Dopo aver tappezzato le pareti di tutto il mondo con i suoi collage fotografici, lo street artist JR posa gli occhi sulla piramide del Louvre. Cerca il modo per farla sparire. E ci riesce. 

Per dieci anni JR ha scelto gli spazi pubblici per esporre la sua arte, usando la sua arte per coinvolgere la gente e osservarne le reazione. Dalle favelas di Rio alle slum del Kenya. E ancora Medio Oriente, New York e Shanghai fino alla capitale francese. La sua nuova sfida è cancellare parte di uno dei più grandi musei al mondo con un semplice trucco visivo. 

La piramide, realizzata nel 1989 dall’architetto Ieoh Ming Pei, viene avvolta dall’opera dell’artista: un collage fotografico raffigurante la facciata storica del Musée du Louvre (cielo compreso).

L’installazione, osservata da una particolare angolazione, da quindi l’impressione che la piramide sia stata inghiottita dall’architettura principale.

«La cosa più importante è dove metto le mie foto e il significato che assumono a seconda del posto scelto», spiega l’artista francese Jean René. L’installazione JR au Louvre ricoprirà l’iconica piramide fino al 27 giugno.

News
La prima grande mostra dedicata a Nendo
Products
Fabrica presenta la serie di vasi in vetro Table of Contents
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento