Il collage fotografico raffigurante la facciata storica del museo realizzato da JR cela la piramide di vetro - Credits: © JR-ART.NET
L'ultima sfida dell'artista francese è far scomparire la piramide, simbolo del musei - Credits: © JR-ART.NET
Con i suoi ritratti in bianco e nero ha tappezzato le pareti di tutto il mondo - Credits: © JR-ART.NET
Per esporre le sue opere JR sceglie la galleria a cielo aperto più grande del mondo: gli spazi pubblici - Credits: © JR-ART.NET
L'esibizione JR au Louvre sarà in mostra fino al 27 giugno - Credits: © Jérémy Schneider
News

L’artista francese JR cancella la piramide del Louvre

Dopo aver tappezzato le pareti di tutto il mondo con i suoi collage fotografici, lo street artist JR posa gli occhi sulla piramide del Louvre. Cerca il modo per farla sparire. E ci riesce. 

Per dieci anni JR ha scelto gli spazi pubblici per esporre la sua arte, usando la sua arte per coinvolgere la gente e osservarne le reazione. Dalle favelas di Rio alle slum del Kenya. E ancora Medio Oriente, New York e Shanghai fino alla capitale francese. La sua nuova sfida è cancellare parte di uno dei più grandi musei al mondo con un semplice trucco visivo. 

La piramide, realizzata nel 1989 dall’architetto Ieoh Ming Pei, viene avvolta dall’opera dell’artista: un collage fotografico raffigurante la facciata storica del Musée du Louvre (cielo compreso).

L’installazione, osservata da una particolare angolazione, da quindi l’impressione che la piramide sia stata inghiottita dall’architettura principale.

«La cosa più importante è dove metto le mie foto e il significato che assumono a seconda del posto scelto», spiega l’artista francese Jean René. L’installazione JR au Louvre ricoprirà l’iconica piramide fino al 27 giugno.

News
La prima grande mostra dedicata a Nendo
Products
Fabrica presenta la serie di vasi in vetro Table of Contents
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Bijoy Jain: "L’architettura è un mezzo attraverso cui esprimo il lavoro"

Bijoy Jain: "L’architettura è un mezzo attraverso cui esprimo il lavoro"

Il fondatore di Studio Mumbai fa dello strumento creativo una libera scelta. Attraverso l’architettura, la creazione di arredi e l’arte, lavora solo a una condizione: prendere il tempo necessario per fare ricerca e pensare
I cinque articoli più letti del 2018

I cinque articoli più letti del 2018

Le nuove aperture tra design, arte e food; le novità in fatto di sedute, lampade e tavoli; le tendenze per l’arredo bagno. Ecco la classifica degli contenuti più letti durante l’anno
Museo Ferrari: raccontare il mito

Museo Ferrari: raccontare il mito

In occasione del 120° anniversario della nascita di Enzo Ferrari, il museo di Maranello presenta due mostre che ripercorrono la storia dell'azienda. Ma non solo: anche un restyling del museo firmato Benedetto Camerana
Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Nasce da un’idea del gruppo alberghiero francese AccorHotels, con il progetto del designer francese. Per montarlo basta mezza giornata
Arredare con il legno

Arredare con il legno

Tavoli, tavolini, sedie, sgabelli e molto altro. Da scoprire nel servizio fotografico di Jeremias Morandell con il set design di Martina Lucatelli